Freaks out, la follia dei sogni

Pubblicità

Di

Ho un debole per Gabriele Mainetti. È uno di quei registi che amo, come Guillermo del Toro o Tim Burton. Perché osa, è selvaggio e divertente, ma soprattutto perché sogna e trasforma i suoi sogni in cinema.

Freaks out è la sua ultima fatica. Io che ero rimasto stranito da “lo chiamavano Jeeg robot”, non potevo esimermi dal vedere, anche se in ritardo, la sua ultima opera. So che ormai è passato qualche mese dall’uscita, e in una società divoratrice come questa, un mese vale anni. Ma parlare di freaks out è come parlare di un cocktail che avete gustato in un romantico e vivace aperitivo serale.

Mescolate un po’ di Tarantino, aggiungete la nostalgia felliniana, un pizzico di dialetto romanesco made in testaccio, l’onirica visione di Del Toro e avrete uno dei film più delicati, assurdi e divertenti degli ultimi anni. 

Mainetti è un “piacione”, come tanti i romani, gente che ti intorta, ti impacchetta e ti compra e non sai nemmeno come ha fatto.Complici gli attori, che Mainetti riesce sempre a scegliere con grande sensibilità e naso, Freaks out scorre lasciandoci stupiti e commossi. 

Ci piace (alla sua seconda prova con Mainetti) Claudio Santamaria nella parte dell’asciutto uomo-lupo, non possiamo non solidarizzare col nano menomato psichicamente e patito della masturbazione Mario, interpretato da Giancarlo Martini. Al contempo sorridiamo per la vulgata schietta e vernacolare di Cencio, l’albino domatore di insetti, impersonato da Pietro Castellitto, e ci rassicura la paterna e gentile figura di Israel l’ebreo, direttore del circo mezzapiotta, a cui da corpo Giorgio Tirabassi.

Ma superba figura di una struggente profondità, lacerata dalla sua maledizione è la giovane Matilde, la donna elettrica, impersonata da Aurora Giovinazzo. Personaggio di una potenza e un potere giganteschi, metafora di una guerra interna ma anche di un conflitto in cui si dipana la storia, a Roma nel 1943 dopo l’armistizio.

Il circo mezzapiotta (il cui nome evoca una miseria atavica), si confronta con poteri magici e coi nazisti, ma soprattutto con Franz, direttore tedesco del circo Berlin, folle eteromane che riesce a vedere nel futuro e a leggere la caduta del Reich. La storia dei nostri dolci “mostri”, si svolge tra gli esperimenti di Franz, che cerca i “fantastici quattro” per usarli come arma da offrire a Hitler, un convoglio di ebrei deportati in cui è stato preso prigioniero Israel, e una banda di guitti partigiani, “gli storti del gobbo”, una torma di banditi pazzi e ferocemente antinazisti. 

Non cercate realismo storico: Freaks out è magia, è fantasia, è fiaba. E nella fiaba mette le ferite e l’orrore di una guerra mai dimenticata, l’astio per un regime che molti portano ancora nel proprio animo a generazioni di distanza. Ferite che sanguinano ancora e che tanti registi, come Tarantino e del Toro appunto, reiterano con le loro pellicole ( tra tutte “ Bastardi senza gloria” e “Il labirinto del Fauno”).

Il nazista, per Mainetti è puramente malvagio, ma anche folle. Mainetti non si piega alla banalità del male della Arendt ma ci racconta che i veri mostri non sono l’uomo peloso e il nano magnetico, ma gli ufficiali delle SS e dei soldati della Wermacht terribilmente privi di umanità e dediti alle più abbiette pratiche. 


Come nel rastrellamento del ghetto di Roma, dove vediamo un sergente sparare a un ragazzo down che cerca di fuggire o quando due soldati di pattuglia cercano di violentare la quindicenne terrorizzata Matilde.

La catarsi finale, tra esplosioni pirotecniche e colpi di mitraglia che non sfigurerebbero in “il nemico è alle porte di Luc Besson, sull’assedio di Stalingrado, ci regala anche una conclusione che omaggia Dark Phoenix di Kinderberg. Insomma, un minestrone allucinante che è però saturo di bei sentimenti e soddisfazioni morali. 

Mainetti deve molto ai registi che ho citato, ma deve molto anche alla cultura romanesca della battuta laida e volgare, come al mondo circense tanto amato da Fellini.

Un plauso anche alla follia palese e visionaria di Franz Rugowsky, l’attore tedesco che interpreta l’omonimo Franz direttore del circo tedesco. Un folle di qualità, privo di scrupoli e perso dietro al suo sogno, che ricorda il Gary Oldman di Leon, anche lui tossico perso e privo di scrupoli nei panni del comandante della DEA Norman Stansfield.

Mainetti, come in “Lo chiamavano Jeeg robot”, ci spiazza, e ci convince che il cinema italiano ha a ancora un potere visionario e non è relegato ai cinepanettoni o alle commedie romantiche. Mainetti gioca, con noi ma, soprattutto, gioca con se stesso e col suo coraggio suicida nel fare un cinema che sembra folle sulla carta ma risulta, alla fine, magico sullo schermo. 

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!