Tutta colpa dei Maneskin

Pubblicità

Di

Gente strana ce n’è sempre stata. Pretonzoli o sacerdoti vari, che sposano cause assurde, anche. D’altronde l’idea che i sacerdoti abbiano il filo diretto con Dio, molti di noi l’hanno abbandonata da un bel po’. 

Geniale è comunque la tesi di Don Antonello Iapicca. Mica un pretucolo qualunque, ma quasi un influencer, con quasi 5000 iscritti al suo canale YouTube. 

Poi, che ci sia gente che si iscrive a un canale YouTube per sentire pezzi del vangelo o registrazioni di messe faccio fatica ad accettarlo, ma il mondo è bello perché vario, anche se di un po’ di varietà si farebbe volentieri anche a meno. Ma sto divagando.

Don Iapicca non predica in Italia, ma in una diocesi giapponese. Probabilmente catechizzare i barbari samurai risulta più affascinante che occuparsi di dozzinali pecorelle caserecce. Ma a fare specie, sono le dichiarazioni del presule, che in un’intervista del 2021 NON si definisce complottista. Anzi, il complottismo è ormai sdoganato e superato dalla realtà. La sua realtà ovviamente. 

Ma di quale realtà stiamo parlando?:

“L’Europa è un burro morale senza spina dorsale anche perché la finta Unione Europea fondata sul denaro delle élite è inginocchiata davanti a mamma America…”

E fin qui coi vari distinguo non possiamo dargli torto, anche se percepiamo una leggera vena d’astio, questa per ora non è peccato fratello. Don Iapicca prosegue nelle sue tesi rivoluzionarie e assolutamente non complottiste, rivelandoci di un Europa che ha superbamente rifiutato le sue radici giudeo-cristiane:

“Oggi abbiamo i Maneskin, idolatrati e premiati, un inno proprio a quel nulla satanico che gonfia il petto dei leader europei…”

Eh eh eh…Don Antonello, qui un po’ esci dalle righe. Anche il Rock’n roll era musica satanica, il Jazz, l’heavy metal… insomma, ogni generazione ha la sua musica del diavolo che, guarda caso, è quella delle minoranze, dei giovani e dei ribelli. Alla fine, i Maneskin, per Iapicca, concorrono al degrado e allo sfilacciamento europeo come gli omosessuali del patriarca Kirill (leggi qui sotto)

Secondo Kirill, la Russia ha la sua giustificazione nell’invasione Ucraina, perché gli europei debosciati indulgono nei gay pride. Non chiedetemi la logica del ragionamento.

Sia per Kirill che per Iapicca, alla fine è uno scontro di civiltà: una buona, bella, giusta, pia, l’altra degradata, sessualmente promiscua e demoniaca. Vediamo di capire meglio il Don Antonello-pensiero:

“Come purtroppo accaduto nella pandemia, non possiamo chiuder gli occhi ma leggere i segni dei tempi, per convertirci. (voi dire che l’anticristo è arrivato? nDR)

L’Europa di oggi si sta sciogliendo come neve al sole perché ha vomitato ciò che l’ha costituita, formata e resa centrale nella storia. Centrale perché salata da Cristo e dai cristiani, che rendono autentiche, belle e appassionanti tutte le cose…”


Sarà, poi possiamo discutere se è più appassionante un’omelia di Don Antonello o un concerto dei Maneskin, io qualche dubbio ce l’ho. Alla fine, il colpo finale, dopo aver ovviamente sparato sui trans e le “ideologie” gender:

“L ‘Europa sarà spazzata via in diverse forme da chi non ha perduto la propria identità, Russia e Islam.”

E che ti devo dire prete, vorrà dire che ce ne faremo una ragione. Certo che se devo scegliere tra i tuoi valori e la catarsi finale, scelgo la seconda. E se andremo all’inferno, meglio così, l’impressione è che alla fine tra una fede paranoide e malata e le fiamme eterne, la scelta non sia poi così difficile.

Io se fossi nei Maneskin mi sentirei comunque onorato. Fare la parte dell’anticristo non è roba da tutti i giorni.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!