Grazie Laura dell’Amore

Pubblicità

Di

Laura e Andrea si amano. Un piccolo intoppo si frappone però tra loro, Laura è malata terminale di cancro. Un piccolo intoppo davanti all’eternità di un amore, che se vero, travalica i confini del tempo e dello spazio.

Ed è questo che devono aver pensato, sfarfallato nei loro cervelli Andrea e Laura, quando si sono sposati all’ospedale Niguarda di Milano qualche tempo fa. Nella foto, pubblicata dal nosocomio a commento della cerimonia c’è Laura, sdraiata su un letto col vestito da sposa, un mazzo di fiori gialli in mano, abbandonati gentilmente in grembo. Le scarpe da ginnastica ai piedi e una coroncina di rose bianche a cingere la testa. Andrea le siede accanto, proteso verso il letto, il gomito a contatto col corpo di lei. 

Andrea e Laura ascoltano l’officiante che li ha uniti, stavolta è certo, per sempre. Perché ad Andrea è Laura è risparmiato l’iter di tante coppie che esauste, arrabbiate o incapaci di ascoltarsi, che decidono di dividere i loro percorsi. 

Loro no. 

Andrea e Laura, saranno uniti per sempre, nel senso più immenso che ha questa parola, che significa universi, viaggi interminabili nel tutto e nel nulla, ricordi spezzettati che volano nel cielo azzurro.

Il percorso di questi due amanti impossibili, ci insegna cos’è l’amore, quello vero, del sacrificio e della sofferenza. Quell’amore sublime così spesso cantato da poeti e trovatori. Quell’amore che in fondo è il motore di tutto.

E come ha scritto il personale del Niguarda, quella cerimonia è stato un momento di grande privilegio, quello di poter accompagnare e condividere con una paziente un percorso di vita, una scheggia di gioia in un lago di dolore e sofferenza. Perché infermieri, dottori, operatori sanitari, spesso soffrono con noi, ci accompagnano e lasciano andare con rammarico e tenerezza.

Ma la luce, seppur flebile, stentata e sommessa, continua a brillare sempre e in ogni situazione, siamo solo noi a decidere se vederla o spegnerla del tutto.

Andrea e Laura l’hanno alimentata quella luce, l’anno fatta rifulgere, brillare come una torcia nella notte paurosa. Una luce che, cerca di scacciare il mostro del dolore e della solitudine.

Quello di Andrea e Laura, è stato un momento cristallizzato nel tempo, che ha sancito il loro amore come se fosse scolpito nella roccia o nelle pieghe del tempo. Un momento di gioia amara da custodire per sempre, perché questo, anche nel dolore, è un grande privilegio negato a molti.

Laura se n’é andata piano piano e in silenzio qualche giorno dopo. Se n’è andata sulle ali dell’amore, che l’hanno accompagnata dove vanno gli innamorati e tutti noi quando si mette la parola fine a questa bella avventura che ci coinvolge tutti.

Chissà quali sono stati i suoi ultimi pensieri, spero di pace e affetto, di accettazione e serenità.

Laura se n’è andata con la consapevolezza che al suo Andrea ha lasciato un regalo palpitante e caldo, il suo ricordo vestita di bianco, con le roselline bianche sulla testa e un bacio delicato sulle labbra. 

Laura ora è polvere di stelle, sparse nel cielo e nell’oscurità, dove brilla come gocce di rugiada la mattina presto e l’aria frizzantina ti mordicchia gentilmente il viso. 

Ciao Laura dell’amore. Grazie per averci insegnato qualcosa di grande.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!