La città più verde d’Europa

Pubblicità

Di

A guidarla è il sindaco Eric Piollle, ingegnere del partito dei verdi. È la città di Grenoble, in Francia, che ha ricevuto per il 2022 il premio come capitale verde europea. 

Le cose si stanno muovendo davvero e Grenoble, con altre città, è davvero uno spartiacque a livello ecologico. Cose che sembravano fantascienza solo 15 anni fa, oggi sono una realtà non solo consolidata, ma in divenire. 

160’000 cittadini e un agglomerato di 450’000 persone (grossomodo la città di Zurigo) Grenoble si situa ai piedi delle alpi francesi, dove ha vissuto i suoi 2000 anni di storia, diventando una delle città più virtuose in Europa per verve ecologista.

Più verde, più pulita, con una migliore qualità di vita per i propri abitanti, questi i requisiti che deve avere una città per concorrere al premio di capitale ecologica d’Europa. Un “concorso” che si tiene da una dozzina d’anni, e che ha visto salire sul trono ecologico, borghi come Copenaghen, Nantes, Lubiana e Lisbona.

Quali sono le virtù di Grenoble? Dal 2005 si è dotata di un Piano per il clima riducendo le emissioni di gas serra del 25% con l’obiettivo di arrivare al 50% entro il 2030. Entro quest’anno produrrà l’equivalente del consumo dei suoi abitanti in energia rinnovabile, a zero emissioni di carbonio e zero nucleare. Le mense scolastiche acquistano almeno il 60% (il 95% gli asili nido) dei loro prodotti localmente o da fattorie biologiche. Dal 2014 sono stati messi a dimora più di 5.500 alberi e l’obiettivo è di arrivare a 10 mila prima del 2030.

L’evidentemente orgoglioso Eric Piolle ha dichiarato:

“Significa essere la vetrina della transizione ecologica dell’Europa per un anno. È un titolo che ci onora, certo, ma è anche una grande responsabilità, così come un incoraggiamento ad accelerare e andare oltre per trasformare la nostra vita. La posta in gioco è alta, così come la nostra volontà di agire con delle iniziative che stiamo lanciando per diventare un territorio a zero emissioni di carbonio entro dieci anni. Per raggiungere questo obiettivo ci affidiamo alla scienza e Grenoble è orgogliosa di contare su ricercatori e professionisti innovativi. Per sostenere questo anno di Capitale verde è stato creato un consiglio scientifico con l’incarico di gestire le controversie, garantire un buon livello di dibattito pubblico e perfezionare le decisioni prese dagli amministratori”.

Piolle ha ragione, è una grande responsabilità, perché questi cambiamenti non devono essere solo di facciata, ma un processo che, seppur lento, deve portare a traguardi sempre più alti. Ma soprattutto, Grenoble e le altre città, ci raccontano che farcela è solo una questione di volontà, non di possibilità. Certo, alcuni agglomerati sono più avvantaggiati di altri, ma spesso le lungaggini o le pastoie ai cambiamenti sono frutto di amministrazioni poco attente se non addirittura ostili al cambiamento. La parola d’ordine è “qualità di vita”, concetto che nei paesi nordici hanno assimilato molto meglio di noi. Un moltiplicatore di imposta, non può essere l’unico valore aggiunto di un comune: lo sono l’aria, la mobilità lenta e sicura, i mezzi pubblici, il verde, la possibilità di accedere a zone di svago. Insomma, ce la si può fare se si vuole. 

E la pressione deve venire soprattutto dai cittadini, che possono sollecitare i propri rappresentanti in questa direzione.

La macchina(verde) è ormai avviata e per andare a pieno regime chiede l’aiuto di noi tutti. Avete voglia di spingere?

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!