La cosa giusta

Pubblicità

Di

Una settimana fa Il Mattino della Domenica ha titolato a tutta pagina: “Ora basta! Cassis a casa!”. Non so a che cosa si riferisse, ma certamente Cassis ha fatto la cosa giusta.

Segnalare i radar della polizia non sarà più reato, se la revisione della legge passerà il capo del Consiglio degli Stati. Le associazioni degli automobilisti però non si fanno abbindolare da questo successo e denunciano: la polizia ha già pronto il piano B e il rilevatore di velocità è stato inserito nel vaccino, insieme al microchip che Bill Gates ha diffuso nel mondo. Il Diavolo è in grado di produrre un documento – datato 1 aprile 2022 – con l’accordo segreto tra Norman Gobbi e Bill Gates.

“I servizi segreti russi hanno perquisito i locali della filiale dell’azienda di orologi vodese Audemars Piguet a Mosca e hanno confiscato orologi del valore di diversi milioni di franchi.”

Code inimmaginabili per l’orologio prodotto dalla Swatch e dalla Omega con gente che ha passato la notte davanti ai negozi. Non sapevano che c’è il metodo Putin che è molto più efficace.

Carlo Freccero è autore televisivo, massmediologo e molte altre cose, recita Wikipedia. Spesso definito “enfant terribile della tv italiana”, è definitivamente diventato “l’enfant pénible”. In un convegno di menti eccelse come la sua ha dichiarato – pare convinto – che a Maripuol le bombe sono finte e sono state reclutate attrici per impersonare le vittime. Uno così lo salva solo il fatto che siamo in democrazia.

Chris Rock si è beccato uno schiaffo da Will Smith per aver fatto una battuta (fuori luogo) sulla pelata della moglie Jada Pinkett, affetta da alopecia. I cacciatori di complotti si sono affannati a cercare dettagli per dimostrare che si è trattato di una gag montata ad arte. Mistero risolto: l’autore della notte degli Oscar era Carlo Freccero.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!