Lo spettatore di Netflix professionista

Pubblicità

Di

Il mondo cambia in fretta. Troppo in fretta. Legioni di introversi, pigri e ignavi, hanno trovato i loro spazi in questi due anni di epidemia

Gente che ha deciso di abdicare e di concedere al moto solo pochi istanti al giorno, trascinandosi sinuosi come anaconde, dal divano al letto e al frigo con un percorso precostituito e dove si esercita il minimo sforzo possibile.

Gente che ha lasciato per casa i segni del suo passaggio come i cinghiali le piste nella foresta, con scie di patatine sbriciolate e pop corn stantii o macchie di sprite light.

Tizi che fino a ieri si guardavano qualche puntata di serie tv su Netflix, è oggi sono diventati dei tossici all’ultimo stadio, dove l’eroina è lo streaming e la coca le nuove uscite delle serie più amate.

Gente che ormai vive in un mondo parallelo dove l’unica fatica è decidere se impersonare un Corvo sulla barriera o uno studente zombi in una scuola coreana.

È anche vero che la pandemia ci ha portati ad orientarci verso il lavoro da casa, lo smart working. Ecco allora che sorge una delle professioni che più si adattano a questa tipologia di persone, per cui il mondo reale è solo un fastidioso ammennicolo con cui devono convivere tra un mondo immaginario e l’altro.

Vediamo perciò spuntare una professione ideale per questi lombricoidi da divano: lo spettatore di Netflix a tempo pieno. Parliamo, come sapete, di un portale di intrattenimento, che tra film e serie tv, tiene prigioniere un miliardo di persone al giorno. Poco importa se fuori c’è la primavera, i fiori fioriscono, le api ronzano e il sole soleggia. Il popolo fanatico di Netflix, vive la sua realtà fittizia in bui locali insonorizzati, sordo ai richiami della natura e della vita reale.

Un mestiere che da ora esiste davvero. Ma in cosa consiste? Nel guardare in anteprima i programmi da inserire in piattaforma, in modo tale da catalogarli per genere e inserire i tag che più si addicono al prodotto in questione. Insomma, una specie di gruppo focus che possa dare a Netflix maggiori dritte su come obnubliare altri miliardi di persone. 

Un lavoro che magari a noi potrà sembrare alienante, ma che per molti può essere la quadratura del cerchio. Dopo il collaudatore di materassi, uno dei lavori più pigri che esistano.

E la nostra società che fine farà? Davvero diventeremo una genia di obesi atrofizzati? Esseri impediti nel deambulare e costretti ad ausili artificiali per spostarsi? L’evoluzione ci porterà ad avere membra flaccide e occhi ipertrofici da rana? (peraltro perennemente arrossati). Non lo so, e non ho tempo, devo vedere le ultime puntate di “o mi sposi o te ne vai”. Chissà se Tyler lascerà Rebecca o se rimarranno insieme e si sposeranno? Poi ve lo dico.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!