Saranno morti tutti di infarto

Pubblicità

Di

Le storie di guerra vanno prese con le pinze. Da che c’è memoria guerresca, le efferatezze e le atrocità del nemico vengono esagerate. Lo si fa per logica bellica, per motivare le proprie truppe, per fabbricare sacro furore quando la logica crea depressione e angoscia. Fa parte della retorica di guerra.

Questo significa che gli ucraini inventano e cercano di turlupinarci con finte nefandezze? No. 

Durante la prima guerra mondiale, i soldati tedeschi furono accusati di atrocità in Belgio, soprattutto circolarono storie su bambini con le mani e piedi amputati e costretti a correre sui moncherini per divertire la soldataglia teutonica. Erano rapporti falsi, non ci sono mai state reali testimonianze che fatti del genere siano avvenuti. I soldati tedeschi commisero atrocità in Belgio? Sì, almeno 6’000 civili di una popolazione inerme (uomini, donne , bambini) furono uccisi dai tedeschi.

Durante l’invasione Irachena del Kuwait, ci fu un inchiesta ampiamente mediatizzata, secondo cui i soldati iracheni avevano strappato i bambini kuwaitiani dalle incubatrici di un ospedale pediatrico per rubare le attrezzature. La storia fu raccontata da un’infermiera, che poi si seppe essere la figlia di Saud Nasir al-Sabah, ambasciatore del Kuwait negli USA, e istruita dall’agenzia di pubbliche relazioni Hill & Knowlton. I soldati iracheni commisero atrocità in Kuwait? Si, centinaia di persone furono torturate e giustiziate sommariamente.

C’è una guerra in cui i soldati non commettono atti disumani e crudeli? No. Da che mondo e mondo, nessuno può chiamarsi fuori. I soldati, spesso per una serie di motivi ovvi, lasciano a casa la pietà e storditi dalla violenza non fanno più distinguo. 

Eppure in ogni guerra c’è chi riesce a discernere. Nel massacro di Mi Lay in Vietnam, perpetrato dagli americani, furono trucidati a colpi di mitra e bombe a mano 504 civili inermi. Molte delle vittime furono torturate e stuprate.

Il massacro fu però fermato da un ufficiale e pilota di elicottero, Hugh Thompson, che atterrando nel villaggio si frappose tra i superstiti (pochi) e le sue stesse truppe, minacciando di aprire il fuoco su di esse.

Thompson fu decorato con la Soldier’s Medal, la massima onorificenza per chi salva dei civili, assieme a suoi due compagni dell’equipaggio.

Essere attenti a ciò che ci propinano i media e i social è un dovere, ma soprattutto è un dovere attendere le verifiche, che sennò ci portano come beoti a sposare cause truffaldine (vedi armi di distruzione di massa in Iraq). È però altrettanto un dovere non sminuire la portata di un’invasione violenta, che possiamo chiamare come cavolo ci pare ma è e rimane guerra.

Questo per dire che semplicemente gli ucraini, anche se lo fanno, non hanno bisogno di mentire. Nessun paese invaso, con i dovuti gradi di differenza, necessita di inventarsi storie.

Certo, esagerare la violenza e la ferocia del nemico fa sempre gioco, ma poi, a conflitto finito, spesso ci si rende amaramente conto che la fantasia in fondo rincorreva la realtà da vicino.

Per cui non è davvero importante se i cadaveri di Bucha siano veri o posizionati ad arte per creare una narrazione utile allo sforzo bellico ucraino. La guerra c’è, ci sono i bombardamenti, c’è la devastazione. Ci sono padri, madri, nonni che piangono su tombe sommarie, ci sono le fosse comuni e le schegge dei missili. Ci sono vite interrotte e futuri divorati.

Questa è la guerra, lo è sempre, senza pietà per nessuno. Atroce è la guerra in se stessa, nel suo agghiacciante significato intrinseco e tutto il resto sono solo storie mostruose dentro un libro di orrori. Un libro che l’umanità sta scrivendo da millenni a più mani e che non sembra avere ancora una fine.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!