Una Pasqua d’unione che divide

Pubblicità

Di

#permattinieri 🇷🇺 🇺🇦 Invasione russa in Ucraina. Mosca avverte formalmente di “conseguenze imprevedibili” se gli Stati Uniti e gli alleati continuano a fornire armi all’Ucraina. Il presidente Volodymyr Zelensky ritiene che il mondo dovrebbe essere preparato alla possibilità che la Russia colpisca l’Ucraina con un attacco nucleare. Ha anche detto che fino a 3.000 soldati ucraini sono morti e ben 10.000 sono rimasti feriti dall’inizio dell’invasione.

La Russia afferma di avere colpito un impianto che produce missili antiaerei e antinave fuori dalla capitale ucraina, Kiev. Esplosioni sono state sentite nella capitale nelle prime ore della notte di sabato. Esplosioni sono segnalate anche a Lviv, nell’Ucraina occidentale.

Il Programma Alimentare Mondiale con sede a Roma dice di aver consegnato aiuti a 1,4 milioni di persone in Ucraina dall’inizio della guerra, ma ha bisogno di un accesso sicuro per consegnare cibo a 2,3 milioni di persone intrappolate nelle zone di guerra.

L’ONU aggiorna il bilancio dei profughi e ritiene che più di cinque milioni di ucraini sono stati costretti a lasciare le proprie case durante il conflitto.

🇻🇦 Funzione del Venerdì Santo in Vaticano. Nonostante le critiche ucraine, il Papa si è attenuto al programma previsto e una donna ucraina e una russa hanno portato insieme la croce di legno in una fase della devozione davanti al Colosseo. Vivono a Roma, lavorano come infermiere e sono amiche. Tuttavia, il testo già pubblicato per la 13a stazione della Via Crucis è stato sostituito da uno più breve. La versione più breve del testo dice: “Di fronte alla morte, il silenzio parla più forte delle parole. Quindi restiamo in silenzio di preghiera e preghiamo tutti nei nostri cuori per la pace nel mondo”. Nei giorni precedenti, l’ambasciatore ucraino in Vaticano e il Grande Arcivescovo greco-cattolico di Kiev avevano criticato il progetto come un gesto prematuro di riconciliazione. Per protesta, diversi media cattolici in Ucraina hanno annunciato che non avrebbero trasmesso la Via Crucis. 

🇮🇱 Israele. Le forze di sicurezza sono entrate sulla Spianata delle Moschee a Gerusalemme, dove migliaia di palestinesi si erano radunati per le preghiere del secondo venerdì del Ramadan. L’intervento è scattato in risposta a un corteo di decine di uomini mascherati che portavano bandiere di Hamas. Sono scoppiati degli scontri. Da parte palestinese sono state lanciate pietre, alle quali è stato risposto con lacrimogeni e granate stordenti. Una parte dei fedeli si è asserragliata nella moschea di al Aqsa. L’ultimo bilancio è di 117 feriti, compresi tre agenti israeliani.

🇬🇧 Gran Bretagna. I piani per inviare alcuni richiedenti asilo in Ruanda sono una violazione del diritto internazionale, ha detto l’agenzia dell’ONU per i rifugiati. L’UNHCR ha detto che il tentativo di “spostare la responsabilità” per le richieste di status di rifugiato è “inaccettabile”. Boris Johnson ritiene che lo schema sia conforme al diritto internazionale. Secondo il progetto 

le persone entrate illegalmente nel Regno Unito dal 1° gennaio potrebbero essere trasportate in Ruanda, dove potranno richiedere il diritto di stabilirsi nel paese dell’Africa orientale. Un progetto da 120 milioni di sterline. Il governo ha detto che i primi voli potrebbero iniziare entro poche settimane, concentrandosi inizialmente su uomini soli che hanno attraversato la Manica su piccole barche o sono arrivati in Gran Bretagna su camion.

⚽️ Calcio. Campionato italiano. Spezia-Inter 1-3, Milan-Genoa 2-0.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!