Afganistan: le donne di nuovo con il burqa

Pubblicità

Di

#permattinieri 🇷🇺 🇺🇦 Invasione russa dell’Ucraina. Tutti gli anziani, le donne e i bambini sono stati evacuati dall’acciaieria Azovstal a Mariupol, hanno annunciato Ucraina e Russia. L’operazione è iniziata una settimana fa, coordinata dall’ONU e dalla Croce Rossa, che non hanno per ora confermato la notizia. Le forze ucraine continuano a combattere nell’impianto pesantemente bombardato, l’ultima parte della città non sotto il controllo russo. La Russia ha assediato l’impianto per settimane, chiedendo la resa dei suoi difensori del battaglione Azov. Non è ancora definito dove andranno gli evacuati. Il vice primo ministro ucraino Iryna Vereshchuk ha detto che questa parte dell’operazione umanitaria è stata completata. Mariupol, che aveva quasi 500’000 abitanti prima della guerra, è stata quasi interamente cancellata dalla mappa dopo due mesi di assedio e bombardamenti russi

Intensi combattimenti continuano nella regione di Kharkiv, le truppe ucraine tentano di riprendere il controllo della zona dai russi. Le forze armate ucraine hanno affermato di aver riconquistato cinque villaggi a nord-est della seconda città più grande del paese. 

La Duma, il parlamento russo, ritiene che con gli aiuti militari all’Ucraina gli Stati Uniti siano in guerra. È un ulteriore elemento di tensione, alla vigilia delle celebrazioni per il 9 maggio, anniversario della vittoria russa sul nazismo. 

“I membri della NATO non accetteranno mai l’annessione illegale della Crimea.”, ha detto il segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg, in un’intervista al giornale tedesco Welt. “Ci siamo sempre opposti al controllo russo su parti del Donbass nell’Ucraina orientale”, ha affermato Stoltenberg. Il giorno precedente Zelensky aveva parlato di possibili condizioni per colloqui di pace con la Russia senza evocare il tema della Crimea.

I profughi ucraini sono quasi cinque milioni e le agenzie dell’ONU ritengono che alla fine della guerra se ne saranno andate 8 milioni di persone.  Sono invece oltre 47’000 i rifugiati ucraini registrati in Svizzera dall’inizio dell’invasione russa, dei quali circa 43’000 hanno già ottenuto il cosiddetto statuto “S” per persone bisognose di protezione. 

🇬🇧 Irlanda del Nord. Michelle O’Neill, 45 anni, del Sinn Féin sta per diventare la prima nazionalista a ricoprire il ruolo di primo ministro nella storia dell’Irlanda del Nord. Sarà un momento storico per il partito del Sinn Féin, che ha ottenuto il maggior numero di seggi nell’assemblea parlamentare. I repubblicani cattolici dello Sinn Fein, un tempo braccio politico dell’Ira, hanno superato il maggiore dei partiti unionisti protestanti, il Dup, sia in percentuale di voti (29% contro 21,3%), sia – ed è la prima volta – per numero di seggi. In totale le formazioni nazionaliste e quelle unioniste si equivalgono dopo il voto di due giorni fa, attorno al 40% di consensi ciascuno, con un restante 15-20% ai partiti inter-comunitari fra i quali salgono al terzo posto i liberali a scapito dei laburisti e socialdemocratici. “L’Irlanda del Nord entra in una nuova era”, ha dichiarato Michelle O’Neill, vice-presidente del partito dei repubblicani cattolici, che ancora formalmente persegue la riunificazione dell’isola sotto Dublino. 

🇦🇫 Afganistan. Il capo supremo della nazione ha ordinato alle donne di indossare il burqa in pubblico, imponendo così la restrizione più severa alle libertà femminili da quando i talebani sono tornati al potere lo scorso agosto. “Dovrebbero portarlo, poiché è tradizione e indossarlo è rispettoso”, si legge nel decreto firmato da Hibatullah Akhundzada e reso pubblico dal governo talebano di Kabul. “Le donne né troppo giovani né troppo vecchie dovrebbero coprire il loro viso quando si trovano di fronte a un uomo che non è un membro della famiglia, per evitare di provocarlo”, aggiunge il decreto. Inoltre, “se non hanno compiti importanti da sbrigare, è meglio che restino in casa”, si legge ancora nel documento. I talebani avevano imposto l’obbligo di indossare il burqa, il velo integrale che copre anche il viso, già durante il loro primo governo, dal 1996 al 2001. Con la riprese del potere da parte dei talebani, le donne sono state progressivamente estromesse dagli impieghi pubblici e non possono viaggiare da sole. Le ragazze non possono inoltre frequentare le scuole superiori.

🇧🇷 Brasile. L’ex presidente Luiz Inacio Lula da Silva (76 anni) ha ufficializzato la candidatura alle elezioni di ottobre, invitando i brasiliani a unirsi a lui per difendere la democrazia contro la deriva autoritaria di Jair Bolsonaro. 12 anni dopo aver lasciato il potere con consensi altissimi, il leader del Partito dei Lavoratori cerca un terzo mandato. Senza mai citare il nome dell’attuale capo dello Stato Lula ha detto ai suoi sostenitori, riuniti a San Paolo, che il suo rivale ha dimostrato di non essere adatto a guidare il Paese e che ricorre costantemente alle bugie per cercare di coprire la propria incompetenza. Lula è stato arrestato due anni e mezzo fa per una condanna per corruzione, sentenza che la Corte Suprema ha rovesciato nel 2021.

⚽️ Calcio. Campionato svizzero. Lugano-Young Boys 3-1, San Gallo- Zurigo 1-2. Campionato italiano. Lazio-Sampdoria 2-0, Sassuolo-Udinese 1-1, Torino-Napoli 0-1.

🚴 Ciclismo. Simon Yates ha vinto la seconda tappa del Giro d’Italia, una cronometro in Ungheria. La maglia rosa è ancora di Mathieu Van der Poel.

🏎 Formula Uno. La prima fila del Gran Premio di Miami (una prima assoluta) è della Ferrari con Leclerc e Sainz.

🏀 Basket. Sono iniziate le semifinali del campionato svizzero. La Spinelli Massagno ha battuto Neuchâtel, Ginevra ha battuto Friborgo. 

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!