Fuori c’è il sole

Pubblicità

Di

Fuori è spuntato il sole, una palla dorata che racconta la primavera, nel rigoglio dell’erba e nel frinire serale dei grilli. In giornate così, le cosa brutte evaporano come l’umidità notturna sotto il sole. Nuvole farinose e impalpabili che si ricongiungono col cielo abbandonando la grevità della terra.

Eppure, la storia di Eros, Angela e Alessandro, deve essere raccontata, perché ricordare, è l’unico modo per dare forse riposo a delle anime che invece, a differenza della rugiada, immagino girovaghe raso terra mentre rosicchiano lamenti di rabbia e dolore. È una storia dei nostri tempi, una storia di reti sociali sfilacciate, di dimenticanze e oblio, una storia che lascia in bocca l’amaro del caffè. Come si dice per scherzo? Amaro come la vita e nero come la morte.

Eros aveva 80 anni, sua moglie Angela 76, il figlio, ormai immobilizzato in seguito a un incidente stradale avuto nei lontani anni 90, 54.

Non una famiglia fortunata. Angela diversi mesi fa aveva avuto un ictus che l’aveva immobilizzata a letto. Ed Eros che ha fatto? L’unica cosa che rimane da fare a un superstite. Occuparsi degli altri, della moglie e del figlio costretti a letto, immobilizzati da una vita che non fa sconti a nessuno, perché in questo, la vita, è di una correttezza spaventosa.

Una famiglia senza amici, con i parenti che ormai non si vedevano più. Non sappiamo perché, sappiamo però che a volte l’incapacità di dialogo scava voragini tra i sentimenti, arando le anime come un vomere d’acciaio e aprendo lacerazioni che non si rimarginano mai.

Eros ha fatto probabilmente quello che ha potuto prima che un malore lo portasse via, a diventare brina sul selciato di dicembre, mentre la gente prepara il natale, una festa di famiglia, di candele, di tepore e comunione. Non così per Eros, che negli ultimi sprazzi di vita avrà pensato con angoscia: chi si occuperà di Angela e Alessandro?

Nessuno.

Li hanno trovati morti tutti e tre, nel freddo dell’inverno, quando il crepuscolo cala repentino e buio tra i mattoni rossi dei meravigliosi borghi marchigiani, perché la famiglia Canullo era di Macerata, ed Eros un imprenditore abbastanza conosciuto . Li hanno trovati nella loro villetta, e all’inizio si pensava a un avvelenamento da monossido di carbonio. Invece no, dopo Eros è toccato ad Angela e Alessandro, morti di fame e di sete, perché nessuno si occupava più di loro, nessuno chiedeva come stessero, nessuno si è preoccupato. Lo ha stabilito la scientifica dopo le analisi di rito.

Erano brave persone? Non lo so, magari erano stati loro stessi a farsi terra bruciata intorno, chiudendosi in quel grumo di dolore e ingiustizia, dove l’unica cosa bella è il morboso accudimento di chi non ce la fa. È un ganglio di chiusura legato alla malattia, alla sofferenza, alla solitudine.

Magari erano solo persone riservate, ma penso anche che coi “forse” e coi “magari” ci puoi fare la minestra, con un gusto sciapo e insulso.

Rimane quello che fa paura a tutti noi. L’abbandono, l’isolamento, scrigni di parole e pensieri non detti che portano distanza Una distanza che è dovere rompere, un silenzio che è giusto frantumare. Perché le relazioni sociali, per noi scimmie nude, sono fondamentali e a parte poche sporadiche eccezioni, sono la vita stessa. 


Un gesto, una gentilezza non sempre bastano, ma sono un passo verso la giusta direzione. E in un mondo di guerra, violenza, incapacità di parlare, questi gesti hanno un valore immenso, di resistenza, di ostinato attaccamento alla vita. Lo hanno ora, lo hanno sempre avuto e lo avranno domani, perché nessuno deve mai essere dimenticato.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!