Fuoco libero sul lupo!

Pubblicità

Di

È bello, perché sul Mattino trovi le soluzioni ai problemi. Pacate riflessioni e acuti ragionamenti, portano inevitabilmente il lettore a porsi delle domande che possono avere come risultato solo risposte logiche e ponderate.

Insomma, un trionfo della ragione e dell’intelletto, che ci dimostra ancora una volta come le menti delle cittadine e dei cittadini, correttamente avviate sul sentiero della sapienza e dell’intelligenza logica, non possono che arrivare a una soluzione. Ecco perché mi sono sentito in dovere di commentare il titolo dell’articolo a pagina 3 del Mattino della domenica.

“Ormai la soluzione è una sola: Fuoco libero sul lupo!”

Ecco, come dicevo mi piace vedere come Quadri e la sua cricca (che poi è solo lui), riescano a trovare soluzioni che sono in realtà l’uovo di colombo. Perché star li a preoccuparsi dei grandi predatori quando li si può cancellare dalla faccia della terra a mitragliate? Infatti, discutere se sia pertinente o meno disquisire della loro presenza è roba, come direbbe un legaiolo doc, da checche.

Il vero uomo ticinese, prima spara e poi chiede il permesso. Un po’ come fanno in Texas, anche se ogni tanto gli scappa un po’ la frizione.

Per dare una mano a Quadri propongo qualche titolino alternativo, che sia magari un po’ più pregnante e deciso del suo, che seppur pregevole, denota ancora un certo timore nel dire le cose come stanno:

  1. Lupi bastardi, morire dovete!
  2. Cappuccetto rosso ha già perso una nonna, vogliamo lasciare che accada ancora?
  3. E i vizi? Eh? I vizi che perde col pelo? Facciamo finta di niente?

Vabbé, Quadri poi fa la sua filippica sui benefici della pastorizia, che ci sta per amore del cielo. Solamente che forse tende ad essere un po’ arcaico nella sua visione del mondo naturale e delle nostre alpi:

“Il lupo sarà anche bello da vedere in fotografia. Ma non è un innocuo cagnolone ingiustamente denigrato e perseguitato dall’uomo “vera fonte di tutti i mali del mondo”, come per decenni si è voluto far credere (quando il lupo appunto non c’era).

Con il solito lavaggio del cervello politikamente korretto, la casta salottiera ha fatto strame dell’esperienza vissuta dai nostri antenati. Essi hanno lottato per secoli contro il lupo. E non certo per divertimento, ma per sopravvivenza.”

Ecco appunto. I nostri antenati bruciavano anche le streghe e torturavano gli eretici, non ci sembra il caso di prendere ad esempio per la gestione alpestre, dei secoli bui in cui se non accoppavi un orso morivi di fame per l’inverno. 

Oggi per fortuna ci sono i supermercati in cui possiamo trovare derrate alimentari e non siamo costretti a sgozzare un lanzichenecco per sopravvivere. 

Per cui forse ma forse mi viene da dire che rispetto ai nostri cari antenati, abbiamo qualche mezzuccio in più per risolvere il problema del lupo e delle greggi. Lorenzo, tra poco mandiamo l’uomo su marte, vuoi che non riusciamo a trovare una soluzione per questo problemino? Comunque il lupo non è solo bello da vedere in fotografia, è anche parte di questo meraviglioso modo a cui, purtroppo, appartieni anche tu, e nonostrante questo non ho mai pensato di risolvere il problema a fucilate, ci mancherebbe altro, mica siamo in Texas appunto.

Per cui forse, qualche ragionamento logico i più e un po’ meno di bava alla bocca (da fare concorrenza al lupo delle fiabe) ci starebbe, non credi?

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!