Hack, la miracolosa Margherita

Pubblicità

Di

Margherita Hack, nata a Firenze il 12 giugno 1922, ha spento per delega astronomica le sue 100 candeline, pur essendosene andata nel giugno del 2013 , dopo un’esistenza di straordinaria eccellenza espressa, da vera fuoriclasse, nella classe delle scienze fisiche, matematiche e naturali.

Il suo vocione scorticava la coscienza dell’umanità superficiale che vagola lungo orbite cieche  mentre dalla sua trasandata ,voluta e arruffata ineleganza – quasi fosse il richiamo di una orchessa da corteggiare-  sprizzavano l’ armonia e la vastità delle idee penetranti, acute e vivaci scatenate dalle tortuose meraviglie dell’astrofisica, poi divulgata grazie alla chimica di una complessità ritradotta in alfabeto per i bambini.

Hack, un cognome secco costruito per non farsi dimenticare: un suono sincopato e deciso , quasi perentorio, ben noto e rispettato nei gruppi di lavoro della NASA, dell’ESA e di quella rilevante comunità astronomica che vive sfidando i pungenti quesiti dell’universo che ama espandere la patologia del mistero sparigiando le carte.

Hack l’investigatrice delle stelle, era una curiosa dello scrutabile remoto che suggeriva pure immagini tenere e romantiche: 

“E’ così bello fissare il cielo e accorgersi di come non sia altro che un vero e proprio immenso laboratorio di fisica che si srotola sulle nostre teste”.

Hack la deduttrice, avvolta nella logica che peraltro insegue perennemente l’esigenza del dimostrabile: 

“Nella nostra galassia ci sono quattrocento miliardi di stelle, e nell’universo ci sono più di cento miliardi di galassie. Pensare di essere unici è molto improbabile”.

Hack la laica fortemente rispettosa, la non credente che potenzia la democrazia di ogni credo: 

” Anche essere atei, come essere credenti, è una fede perché io non posso dimostrare  né che Dio c’è, né che non c’è. Io non credo perché non mi soddisfa l’idea di Dio, non posso pretendere di dimostrare che Dio non c’è. A me sembra assurda l’idea di Dio, perché mi sembra infantile, ma questa è una opinione personale”.

Hack la madrina di una pace duratura e inestirpabile in quanto unica garanzia di una virtuosa e continua rimonta del sapere: 

“Impariamo a tollerare e ad apprezzare le differenze. Rigettiamo con forza ogni forma di violenza , di sopraffazione, la peggiore delle quali è la guerra”.

Hack la filosofa che distilla preziosa sintesi, senza stucchevoli anse di raggiri mentali:

“Nella vita non c’è nulla da temere, solo da capire”.

Hack la femminista che scavalca la Via Lattea , decifrando l’immane teorema che riafferma la cosmica valenza della Donna: 

“La colpa di Eva è stata quella di voler conoscere, sperimentare, indagare con le proprie forze le leggi che regolano l’universo, la terra, il proprio corpo, di rifiutare l’insegnamento calato dall’alto, in una parola Eva rappresenta la curiosità della scienza contro la passiva accettazione della fede”.

Hack, ecco perché da questo cognome quasi arcigno e spigoloso sono poi spuntati gli innumerevoli petali di una eccentrica e miracolosa Margherita.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!