I fantastici quattro… giorni

Pubblicità

Di

Vista con scetticismo da taluni, vissuta come fumo negli occhi da altri, in realtà c’è più d’un motivo per cui sarebbe sensato avere una settimana lavorativa di quattro-giorni-quattro. Gli studi, in questo senso, non mancano. Più si è felici, meno è lo stress, e più non è un peso il lavorare. Dovrebbe essere questo il futuro della produttività e il giusto equilibrio tra lavoro e necessità familiari e della vita privata. Del resto i sindacati di mezza Europa hanno chiesto in più d’un’occasione di fare propria la settimana lavorativa di quattro giorni. 

Il progetto pilota, avviato di recente nel Regno Unito, è stato denominato 4DayWeek. Nulla di apparentemente straordinario, per carità. Si tratterebbe semplicemente di passare a una settimana lavorativa più corta di un giorno, diminuendo così le ore di lavoro, ma senza nessun taglio di stipendio. Già, ma quali sarebbero i reali vantaggi?

Innanzitutto – e non è poco – ci sarebbe da guadagnarci in benessere. Un ritrovato equilibrio tra lavoro e vita privata non può che portare a una rinnovata salute fisica e mentale. Si è osservato che burnout e stress, due elementi che mietono ancora troppe vittime tra i lavoratori, si riducono. Si riducono al punto che, questo inedito cortocircuito, è in grado di generare una piccola rivoluzione. Il lavoro rende felici. 

Proprio così, la settimana lavorativa di quattro giorni, si traduce in dipendenti più felici e una maggiore fedeltà all’azienda per la quale si opera. Ma anche l’attrattività dell’azienda stessa cambia. E si crea così una forza lavoro più energica, efficiente e motivata, pronta a concentrarsi sul raggiungimento degli obiettivi, invece che sul tempo trascorso in ufficio, inchiodati ad una scrivania.

Dovendo poi recarsi meno frequentemente in ufficio anche l’impronta di carbonio si fa più leggera, diminuendo il pendolarismo e il consumo di energia. Per un’azienda, offrire la settimana corta, significa mostrarsi innovativa e lungimirante, capace di distinguersi dalla concorrenza. Con la settimana corta madri e padri si suddividono alla pari gli oneri della famiglia.

Ma c’è un modo ancor più semplice e sintetico per farvi capire perché il progetto 4DayWeek sarebbe la svolta. La settimana lavorativa di 4 giorni porta ad una riduzione del tasso di disoccupazione, rende tutti i dipendenti più produttivi, significa anche meno stress e quindi una salute delle persone decisamente migliore. Significa immaginare un’economia più forte e perfino una minore impronta di carbonio. 

Ma soprattutto tutto questo si traduce in più tempo da dedicare alla famiglia e agli amici. Qualcuno mi sa spiegare cosa stiamo aspettando?

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!