Svizzera proiettata nel futuro

Pubblicità

Di

Quando la guerra in Ucraina è scoppiata, con grande ansia di tutto l’occidente, mai ci saremmo immaginati che una conferenza internazionale per un “piano Marshall”* del paese ex sovietico si sarebbe tenuta a Lugano.

Da una parte la sfida fa tremare le vene dei polsi. E di sicuro, la sinistra storce il naso, visto che non ama queste ritrovi atlantisti e gli assembramenti di esercito e forze dell’ordine. La diffidenza fisiologica ed evolutiva della sinistra per i “gendarmi” fa parte di un retaggio culturale e storico dove le forze dell’ordine, troppo spesso, stavano dalla parte di governo e padronato, pronti a bastonare operai e poveracci che aspiravano solo a una vita più decente.

Dunque qui abbiamo due fattori invisi alla sinistra: un ritrovo di rappresentanti di governi per la maggior parte filostatunitensi e un aggregazione di migliaia di militi tra esercito e polizia. Infatti l’anello di sicurezza che circonderà il palazzo dei congressi sarà blindato e, metaforicamente, irto di baionette.

A pavoneggiarsi per l’evento, ovviamente, altri personaggi che non raccolgono molte simpatie tra il popolo progressista, i due leghisti Michele Foletti, sindaco di Lugano, e il ministro delle istituzioni e capo della polizia Norman Gobbi, che ha già dichiarato: “Accogliere l’URC è il nostro contributo per la pace”. È bello comunque sentire dal nostro ministro, quello con un obice sul pianerottolo del dipartimento, parole di pace.

Con questa conferenza è anche vero che la Svizzera si dà lustro internazionale, e Cassis gongola, visto che come ministro degli esteri è un po’ patron di tutta la baracca. Una svolta ideale per un ministro che non ha brillato, nel poco più di un anno da quando si è insediato, per lungimiranza e capacità diplomatiche. 

Storcimenti di nasi a parte, questo colpaccio (perché di colpaccio si tratta) dopo l’adesione all’ONU, porta la Svizzera a vette inimmaginabili solo pochi mesi fa. Il nostro paese e Lugano di riflesso, saranno sotto i riflettori del mondo, un mondo che, ci piaccia o no, sta profondamente cambiando. Di certo non possiamo dire che la Svizzera, stavolta, non abbia colto i segnali del cambiamento e non abbia reagito con prontezza a quest’ultimo. Una nazione di 9 milioni di abitanti collocata in mezzo all’Europa deve, per poter avere ancora un certo potere contrattuale, cambiare in modo intelligente e astuto le proprie peculiarità senza stravolgerle. 

La conferenza di Lugano avrà, a dipendenza dei risultati che ne scaturiranno, un effetto sulla visione che ha il mondo del nostro paese. Il rischio di un nulla di fatto è sempre presente, ma una risoluzione decisa e organizzata, avrà di riflesso benefici politici e propagandistici non indifferenti.

La Svizzera, deve ora essere abile a capitalizzare questo peso politico maggiorato, soprattutto nella costruzione di accordi con la UE, per scrollarci di dosso la nomea di paradiso fiscale e di “neinsager”, dove ogni proposta europea viene sistematicamente o spesso bocciata dal popolo in votazione. Una democrazia diretta che in Europa è probabilmente vista più come un fastidio che come un valore. 

Eppure siamo così, nel bene e nel male. Avvantaggiarci diplomaticamente con queste ultime manovre è frutto di fortuna ma anche di una certa sapienza politica. Se un domani saremo attori insieme ad altri di cambiamenti epocali, non lo sappiamo, sappiamo però che una nuova strada è tracciata, una strada che porta direttamente a un futuro sconosciuto e irto di sfide.

* piano per la ripresa europea, fu uno dei piani politico-economici statunitensi per la ricostruzione dell’Europa dopo la Seconda guerra mondiale.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!