Acqua e salute mentale

Pubblicità

Di

L’acqua fa bene. Anche alla salute mentale. A sostenerlo sono numerosi studi che ci confermano certe credenze popolari di un tempo. Del resto è negli oceani che si suppone abbia avuto origine la vita e non c’è nulla di più simile al nostro sangue dell’acqua marina. L’acqua, il liquido amniotico nel grembo materno, è inoltre l’elemento nel quale ognuno di noi ha vissuto, dopo il concepimento, nei suoi primi mesi di vita. Ecco perché una vita a contatto con l’acqua è una vita a contatto con la vita stessa, in grado di darci quella serenità, quell’energia e quel benessere mentale indispensabili soprattutto in un periodo in cui gli anni di pandemia hanno esasperato il disagio che già covava da tempo e ardeva sotto la cenere.

 “Che si tratti della brezza marina, del dolce sciabordio delle onde o del luccichio del sole su una superficie increspata, c’è qualcosa di profondamente rigenerante nello stare in acqua o vicino a essa. Lo sapevano i vittoriani, che prescrivevano l’aria di mare come cura per la malinconia. Lo sapevano anche i francesi, che per secoli hanno inviato le persone malate alle sorgenti naturali. Adesso anche gli scienziati si sono messi al passo.” Si apre così, con l’immagine che tutti noi abbiamo dei “luoghi d’acqua” l’articolo pubblicato recentemente sulla rivista inglese New Scientist a proposito delle ultime scoperte fatte in ambito scientifico riguardo all’acqua appunto.

Sappiamo da tempo quale sia l’importanza della natura e dei boschi per la salute. Vivere nella natura è un modo consolidato per aumentare la nostra qualità di vita. Trascorrere del tempo immersi nel verde riduce la frequenza cardiaca, gli ormoni dello stress e la pressione sanguigna. Sappiamo anche come con il graduale surriscaldamento del Pianeta sarà necessario riportare il verde anche all’interno delle nostre città e delle aree urbane per non soccombere di fronte a temperature che si faranno sempre più infernali. Ma quale ruolo gioca in tutto questo l’acqua e i “luoghi d’acqua”? Un ruolo, se possibile, ancor più prezioso.

Per dare sollievo alla nostra mente e alle pressione a cui ogni giorno siamo sottoposti, oltre alle aree verdi, anche gli spazi blu giocano un ruolo fondamentale. Dopo aver trascorso del tempo a contatto dell’acqua l’attenzione, la creatività e la memoria ne escono rafforzate. Anche l’ansia, l’insonnia o la depressione ne trovano giovamento. A confermarlo è una ricerca inglese che ha misurato come la sensazione di felicità e di benessere aumentasse con la vicinanza e la permanenza in aree marine e costiere. Ma questi benefici non si limitano al mare, lo stesso effetto lo hanno anche laghi e fiumi.

Ovviamente la cosa migliore di tutte sarebbe quella di vivere in un luogo in cui spazi blu e verdi si uniscono, dato che nella Natura ci sono stimoli che hanno un effetto benefico sul nostro fisico e sulla nostra mente. Stimoli capaci di interrompere la ruminazione di pensieri ansiogeni aumentando la nostra capacità di concentrazione. Così, pensando agli spazi urbani, in cui vive la maggior parte della popolazione mondiale, la nostra attenzione non dovrebbe essere rivolta soltanto agli spazi verdi ma anche all’acqua, un bene preziosissimo che purtroppo come con molte altre cose di valore tendiamo a dare per scontate o a sottovalutarle.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!