La rivincita dei ‘Gretini’

Pubblicità

Di

Questa vuole essere una lettera aperta a tutti quegli disgraziati, e ce ne sono stati tanti anche se ora sono sciolti come neve al sole, che negavano i cambiamenti climatici.

Cari cosi,

uso parole forti perché il tempo ormai per lavorare di fioretto è finito. Parlo solo della Svizzera e del Ticino, anche se non è che i paesi limitrofi se la passino meglio. Nel nostro cantone, ci siamo confrontati con temperature che spesso hanno superato i 35 gradi, con notti tropicali e un’afa che non dava pace. I nostri fiumi così cristallini e pieni di vita, sono ridotti spesso a rigagnoli con acque piene di alghe. Alle foci dei fiumi, come sul Verbano, si allargano immense isole di sabbia, come nessuno ha mai visto. Le colture, e si nota bene sul piano di Magadino, soffrono della mancanza d’acqua, grosse chiazze di mais scricchiolano al vento con le loro foglie secche.

Oggi, solo 4 irriducibili balenghi (tra i quali purtroppo il redivivo Donald Trump) si ostinano a minimizzare. Lorenzo Quadri, dal suo giornale, ha per anni sbeffeggiato i “Gretini”, spassoso nomignolo per definire coloro che ascoltavano le parole dell’attivista per l’ambiente Greta Thumberg. Parole che poi erano le stesse della stragrande maggioranza della comunità scientifica.
I seguaci della Thumberg, venivano anche tacciati di “isterismo climatico”.

Dicevo, cari Cosi, dove siete finiti adesso? La vergogna un pochino morde le vostre coscienze? No eh? Perché voi siete i negazionisti a oltranza, nemmeno se la fuori ci fossero 70 gradi riuscireste ad ammettere che, come il buon Quadri, non avete fatto altro che rallentare un processo che avrebbe dovuto salvarci dal disastro.

Oggi forse è troppo tardi, e se lo è, è anche grazie a gente come voialtri, persone insulse e ottuse, incapaci non solo di vedere ma anche di capire e di leggere i segnali che la natura da decenni ci sta mandando. Nel frattempo il mediterraneo raggiunge temperature da mari tropicali, tra i 25 e i 30 gradi. Inutile dire che cosa comporta questo per la fauna ittica. Ah cari cosi, non so se vi siete accorti, ma all’imbocco delle nostre valli, in questi giorni, si sentono le cicale, insetti che fino a qualche decennio fa trovavamo solo in Provenza e in Toscana.

Ma noi eravamo gli isterici climatici. Per fortuna qualche “gretino” agisce, anche se lentamente. L’Unione europea ha varato un piano marshall per sostenere e spingere energie pulite e Joe Biden, ha finalmente intrapreso la strada per il new green deal americano, che si spera non venga bloccato dal solito presidente repubblicano con tendenze suicide. Per ora approvata dal senato, la nuova legge prevede lo stanziamento di 370 miliardi di dollari per combattere il cambiamento climatico.

E questo alla faccia vostra, cari Cosi, e vi chiamo cosi perché manco saprei bene come definirvi, il vocabolario non è abbastanza ricco di epiteti sgradevoli per definire coloro che remano contro al genere umano e alla Terra. Sapete cosa? Sarebbe bello spararvi tutti su Marte, tanto lì danni non potreste farne, il pianeta è già morto. Invece purtroppo ci tocca tenervi qui, a lagnarvi, a starnazzare a inventarvi le vostre teorie balzane e malsane.

Questo tocca a noi Gretini, che per fortuna siamo abbastanza intelligenti (forse) anche per voi.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!