San Lorenzo e le meteore gaudenti

Pubblicità

Di

Le meteore Perseidi, schizzanti come tappi di spumante nel cosmo festante, si esibiranno nel loro massimo fulgore nel picco tra l’11 e il 13  agosto, subendo una disturbante interferenza proprio nel momento clou della notte di San Lorenzo, per via dell’espansa luminosità delle Luna piena.

La silente lievitazione del chiarore lunare sottrarrà definizione e contorni alle comari mirabolanti della rilucente mattanza, in genere riservata agli innamorati con i loro desideri espressi o inespressi, a secondo della scie più o meno frettolose.

Conosciuto romanticamente anche come le Lacrime di San Lorenzo, lo sciame delle meraviglie , dovuto astronomicamente ai grani di polvere siderale lasciati dalla cometa Swift-Tuttle, si trasformerà in forfora fulminante nelle località totalmente buie, fascinose e attrattive come non mai, sfuggenti all’imperante inquinamento luminoso che sovrasta vieppiù il globo, conglomerato di un’inopportuna overdose di prepotenti apparati luminescenti che sottraggono al mistero del presepe vivente, anima e suggestioni.

E si scateneranno le consuete varianti sul tema : “Ecco le stelle scadenti”, considerando il loro fievole barbaglio , “Sembrano stelle invadenti” , soppesando l’eccesso del folleggiare nel catino celeste, “Le vedi, due stelle incidenti”, verificando un fatale tamponamento lassù, forse provocato dal super traffico della tangenziale che porta poi alla Cintura di Orione, “Occhio ai miei piedi, che pestone…vedo le stelle accidenti”, subendo un’involontaria pressione sull’alluce, esercitata dal solito esagitato contemplativo compulsivo.

Nel frattempo piovono eventi promettenti, da stelle cadenti in contesti eccellenti: al rifugio Col Drusciè, là dove la funivia Freccia nel Cielo decolla da Cortina d’Ampezzo, si potrà rimirare il marasma della calotta celeste con un occhio all’insù e l’altro all’ingiù, verso la coreografia di un piatto gourmet.

A Montepulciano, nell’ipnotica Toscana, le sagome sfolgoranti si orienteranno lungo la Strada del Vino e i sapori della Valdichiana saranno avventure papillanti sulle sopraelevate terrestri.

E in Umbria, dopo una intensa seduta di meditazione yoga, fra le schiere di ulivi vicini a Spoleto, gli invaghiti delle stelle godranno di un punto di osservazione unico, dalla sommità di una collina dove pisola un antico borgo medioevale.

A San Lorenzo, benemerito delle magie e degli allettamenti, un sincero e riconoscente grazie.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!