Sgarbi irato, e chissenefrega!

Pubblicità

Di

Vittorio Sgarbi viene in Ticino e uscendo dalla dogana, l’autista accende il lampeggiante con cui sono in dotazione le auto blu italiane per evitare la coda. Epilogo? 500 franchi di multa.

Ora non so dirvi se un nostro ministro rimane in coda bestemmiando come un comune mortale o spara sirene a tutto spiano per aggirare il traffico. Sgarbi Vittorio Umberto Antonio Maria, questo il breve patronimico dell’iracondo critico d’arte, tornava dal festival di Locarno, appuntamento culturale e modaiolo a cui numerosi amici italici non rinunciano volentieri.

Detto questo, a quasi tutti non frega un accidente se Sgarbi ha preso una multa, peraltro supponiamo meritata. Anche perché la cosa che ha del miracoloso è che un tizio che sta pesantemente sui marroni a mezzo mondo, continui, in un modo o nell’altro, a calcare le scene del jet set. D’altronde, che Sgarbi sia famoso per le sue sfuriate è noto a tutti, anzi, è proprio questo il motivo per cui viene invitato nei salotti delle varie Barbare D’Urso a spargere contumelie sullo o sulla sfortunata antagonista di turno. (leggi qui sotto)

Il problema è che Sgarbi è l’emblema di quell’Italietta berlusconiana, rappresentante di un ventennio di bunga bunga, festini, strepiti e arroganza. L’auto blu col lampeggiante è proprio rappresentativa di questo modo sgradevole, prepotente e pieno di sicumera a cui Sgarbi e compagnia sono abituati. 

Lo Sgarbi Sgarbi Vittorio Umberto Antonio Maria, ovviamente si picca e come suo solito affida ai social la sua rabbia, spiegando che in Svizzera non ci tornerà mai più. E anche qui, dubito ci siano molti elvetici disposti a stracciarsi le vesti e strapparsi i capelli versando calde lacrime al pensiero.

Se Sgrabi se ne va per sempre, col riflesso del lampeggiante blu che scompare nella notte diventando sempre più flebile, noi elvetici dormiremo tra due guanciali, con la serenità e l’aplomb che tanto ci contraddistingue e ci separa da personaggi virulenti come Vittorio Sgarbi. 

Perché a noi, la gente di potere che sbraita, prevarica gli avversari ai dibattiti, urla e sputacchia non è mai piaciuta…o forse no? Ho come uno strano dejà vu…

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!