Marchesi e i “clima-terroristi”

Pubblicità

Di

Con questa locuzione che sa un po’ di mutuato dallo svizzero tedesco ( forse sarebbe stato meglio dire “terroristi del clima”), Piero Marchesi esprime tutto il suo furore per un’ignobile farsa avvenuta a palazzo federale.

L’indignazione di Marchesi, è dovuta a una manifestazione di ambientalisti, che hanno messo in pericolo la vita dei deputati lanciando aeroplanini di carta dal loggione degli spettatori. Solo per un caso fortuito, nessuno è rimasto ucciso dai bolidi cartacei lanciati dagli eco-terroristi. Marchesi perciò, giustamente affida ai social il racconto del deplorevole fatto:

“Oggi la seduta del Consiglio nazionale è stata sospesa a causa di un gruppetto di giovani clima terroristi, che hanno iniziato a gettare aeroplanini di carta ed esponendo striscioni sulle tribune.

Per fortuna che la maggioranza dei nostri giovani non è composta da simili personaggi, che farebbero bene a fumare qualche cannone in meno e a imparare a rispettare le regole.”

L’Indignazione di Pierino per il fatto di sangue che avrebbe potuto avere conseguenze letali (vi immaginate la punta di un aeroplanino finire nell’occhio di Marchesi e poi farsi strada, a causa dell’inerzia, fino al cervello?) è giusta e condivisibile. Capiamo anche il richiamo alla droga, chi infatti, sano di mente e non sotto influsso di sostanze psicotrope potrebbe violare a questo modo un luogo sacro alla patria e alla democrazia?

Certo nulla di paragonabile agli insulti proferiti dai giovani UDC, sono ragazzi, che vuoi che sia una goliardata? Prendere per il sedere e insultare la presidente dei giovani socialisti sarà sembrato loro naturale. (leggi qui sotto)

un po’ meno naturale che lo faccia un adulto (sempre dell’UDC), ma siamo sicuri che Marchesi si è indignato anche in questo caso. (leggi qui sotto)

Non si facevano le canne ma hanno speculato sulla vendita di mascherine alla confederazione facendo milioni due giovani UDC, ve ne ricordate? (leggi qui sotto)

Nemmeno il consigliere UDC Daniel Regli si fa le canne (credo) ma ha qualche problema con i gay al punto che disse che “gli omosessuali fra i 30 e i 40 anni si suicidano spesso perché lo sfintere anale non regge più, e quindi si tolgono la vita per non andare in giro con i pannolini”. Un vero signore, un esempio di tolleranza e bon ton.

Per concludere, e non posso passare il tempo a scartabellare l’archivio di GAS per cercare nefandezze e scorrettezze di membri UDC, consiglio però vivamente una cosa a Pierino Marchesi prima di indignarsi: quando hai una colata di fango sullo zerbino di casa tua, Piero, pulisci prima di lamentarti per la polvere sull’uscio degli altri. 

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!