Il bagnetto del raro rinoceronte di Java

Una telecamera nel parco nazionale Ujung Kulon, sulla punta più occidentale dell’isola di Giava in Indonesia , ha immortalato un rarissimo rinoceronte di Giava, tra le cinque specie di rinoceronti più minacciate, impegnato in un “bagnetto” nel fango. Si tratta di uno dei soli 72 rimasti allo stato brado. La popolazione di questi animali è diminuita principalmente a causa del bracconaggio e dell’eccessiva richiesta di corni di rinoceronte spesso utilizzati per ottenere farmaci della medicina tradizionale cinese

Read more

Se non è amore..

Leggiamo su Tio che Norman Gobbi invita a scaricare l’App SwissCovid. Sul Mattino di domenica, Quadri si impegna invece per stroncarla citando un esperto italiano, (perché ogni tanto gli italiani fanno comodo). E col tipico raffinato linguaggio da consigliere nazionale sproloquia di: “ciofeca”, “fregnacce”, “seccarci la gloria” e “App va a da via i ci-app” (che non è neanche male), in poche parole invita il presidente leghista del governo Gobbi che consiglia l’App SwissCovid ad andare a dar via il culo. #senonèamore

Read more

Non dire gatto, non nel piatto

Non dire gatto, ma nemmeno cane. Eppure, il Festival cinese di Yulin, la fiera della carne canina, si è tenuta anche quest’anno tra il 21 e il 30 giugno. Con macellazione e consumo di filetti, cosciotti e costine del nostro fedele amico Fido, nonostante la sua esclusione dalla lista degli animali commestibili, pubblicata dal ministero dell'agricoltura cinese ad aprile.

La tradizione l’ha spuntata, ancora una volta, sulle normative vigenti. In Italia, come pure negli Stati Uniti, c’è il carcere per chi consuma carne di cane. Ma la questione non si pone soltanto pensando ai nostri amici a quattro zampe. Una sostanziale diminuzione della cane nella nostra alimentazione di tutti i giorni ha una funzione protettiva contro l’azione dei radicali liberi. Chi segue un’alimentazione ricca di vegetali corre un rischio inferiore di ammalarsi e può sperare di vivere più a lungo. Eppure al richiamo della carne sembra difficile resistere.

C’è chi dice che mangiare carne è un omicidio premeditato e digerirla è occultamento di cadavere. “Quella che chiamiamo eufemisticamente carne sono in verità pezzi di cadaveri, di animali morti, morti ammazzati. Perché fare del proprio stomaco un cimitero?”, si chiedeva Tiziano Terzani. “Auschwitz inizia quando si guarda a un mattatoio e si pensa: sono soltanto animali.” Sosteneva il filosofo tedesco Theodor Adorno.

Ora, che voi siate o meno vegani o vegetariani, non è questo il punto. Ma casomai capire come sia possibile che certi animali siano prelibatezze qui, e immangiabili altrove. Qual è la regola? Come decidiamo quale debba essere l’animale degno di finire nel nostro piatto?

Ascolta il PodGAS, il podcast di GAS.

VUOI LEGGERE DI PIÙ?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere GAS scopri le possibilità

Sei socio o hai già un abbonamento? .

Read more