Mamma li SUV!

Puntualmente, all’inizio di ogni nuovo anno scolastico, si ripresenta lo stesso identico problema di sempre con la carovana di auto e in particolare di SUV che stazionano nei pressi delle scuole. Un’invasione, un assedio di auto che, oltre a transitare in più di un’occasione a velocità sostenuta, vengono parcheggiate in modo selvaggio o peggio ancora si fermano proprio davanti all’ingresso della sede scolastica di turno pur di caricare e scaricare i bimbi. Tenere creature che così non riescono più a fare due passi, neanche a volerlo. Alla guida mamme fin troppo amorevoli che si contendono ogni centimetro quadrato d’asfalto pur di avere un posto in prima fila in questa surreale sfilata di mostri meccanici a quattro ruote.

Read more

Quando la violenza è doppia

Mettiamoci nei panni di una donna che è stata maltrattata, picchiata o peggio abusata e che ora, dopo aver trovato il coraggio e la forza di ribellarsi alla violenza subita, si è rifugiata in un centro di accoglienza. Immaginiamo che quest’ultimo si trovi in un quartiere della “Roma bene” e che ora, proprio ora mentre stava lentamente mettendo ordine nella sua vita, in quel luogo i vicini non la vogliono più. Metti pure che non sarà la prima e neppure l’ultima che si sentirà rifiutata da chi la crede colpevole o in parte responsabile del suo amaro destino.

Read more

Non mi va

Non mi va che ci siano le guerre, la fame e le carestie. Non mi va l’arroganza e neppure l’ingiustizia o l’ipocrisia. Non mi vanno le prevaricazioni, le disuguaglianze e le prepotenze. E non mi va neanche la mala gestione della cosa pubblica e la supponenza di certi amministratori che forse dovrebbero pensare prima a quello che fanno, se poi noi vogliono essere ricordati per quello che magari – ai loro occhi – non sono. “Non mi va di essere ricordato come catastrofico”, ha sbottato il Capodicastero opere pubbliche della città di Bellinzona travolto dalla bufera mediatica. Ma ormai la frittata era fatta. Le uova rotte e c’era ben poco da incollarle con lo Scotch.

VUOI LEGGERE DI PIÙ?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere GAS scopri le possibilità

Sei socio o hai già un abbonamento? Effettua l'accesso

[lwa]

Read more

L’architettura della crudeltà

“Quello dell’architetto è un mestiere antico come cacciare, pescare, coltivare ed esplorare. Dopo la ricerca del cibo viene la ricerca della dimora. Ad un certo punto, l’uomo, insoddisfatto dei rifugi offerti dalla natura, è diventato architetto.” Ad affermarlo è Renzo Piano. Ma non del passato voglio occuparmi. Di un tempo passato dove anche Erode, definito “il re crudele”, amava l’architettura e godeva nel vedere costruire palazzi e fortezze, ma bensì dell’architettura attuale delle grandi città. Un’architettura che è diventata nemica dell’uomo, studiata e progettata per respingere e non per accogliere le persone.

Read more

Louise Michel, l’opera più bella di Banksy

a cultura è fredda, asettica e l’arte astratta. Ma chi lo dice? L’arte non salva solo le anime, ora, praticamente, anche delle vite umane. Come riportato dal Guardian, il 27 agosto, 89 persone sono state salvate nel Mediterraneo grazie alla nave Louise Michel, acquistata e finanziata a partire dallo scorso anno da Banksy, il misterioso artista. La barca, una motovedetta civile dipinta dall’artista di rosa shocking e che raffigura una bambina aggrappata a un salvagente a forma di cuore, è stata pensata per il soccorso dei migranti nel Mediterraneo.

Read more

Mattmark, un iceberg caduto dal cielo

Ricorreva ieri il cinquantacinquesimo anniversario della più grande sciagura alpina della Svizzera moderna, quella della valanga di ghiaccio che s’è abbattutta sul cantiere della costruzione della diga del Mattmark, la più grande in Europa. Un simbolo delle talvolta drammatiche vicende della migrazione italiana. Storie poco edificanti di sfruttamento e prevaricazione. Di uomini in cerca di lavoro che invece trovarono la morte.

Read more

Morto, ma non per caso

Il discorso d’investitura di Kamala Harris come candidata alla vicepresidenza degli Stati Uniti al fianco di Joe Biden in uno dei suoi passaggi diceva che “contro il razzismo non c’è vaccino”. Le forme in cui il razzismo si manifesta e accompagna quotidianamente la popolazione non solo afroamericana si presenta sotto diverse forme, ma quella che provoca più vittime è la violenza della polizia contro le minoranze.

Read more

L’intelligenza dei depressi

“Uno specchio per guardarsi in viso, l’arte per scrutare l’anima”, a sostenerlo era lo scrittore e drammaturgo inglese George Bernard Shaw. Il recente lockdown ha messo a dura prova tutti noi. Non soltanto dal punto di vista economico e sociale, bensì anche da un’angolazione più profonda e complessa, quella dell’anima. Ci siamo specchiati nella depressione momentanea, come reazione a ciò che stavamo vivendo, poco importa se passeggera o duratura. L’abbiamo combattuta o ci siamo lasciati andare al suo volere, ma ora sappiamo che non tutto il male di vivere vien per nuocere, infatti secondo alcuni ricercatori canadesi vi sarebbe una stretta correlazione tra livello di ansia, paura, depressione e intelligenza.

Read more

Polveriere a cielo aperto

Il disastro accaduto a Beirut ha riportato alla ribalta il problema delle sostanze pericolose stoccate o trasportate. L’intera area portuale rasa al suolo e una città già messa in ginocchio dalla pandemia e dalla crisi economica deve ora fare i conti con il dolore, la rabbia e la devastazione. Il triste esempio di quanto è accaduto alla capitale libanese fa parte dei potenziali incidenti che possono accadere ogni giorno in qualsiasi parte del globo. Disattenzione, irresponsabilità, sottovalutazione, negligenza, dimenticanza e mancanza di volontà rispetto al cambiamento, creano sempre più spesso le condizioni che portano a disastri ambientali e tragedie umane. E Beirut non è che l’ultimo esempio di una lunga serie.

Read more