Da Blue Whale a Jonathan Galindo, il falso continua

In Italia, e di rimbalzo anche dalle nostre parti, del fenomeno Blue Whale non s’era mai parlato e neppure esisteva prima che la trasmissione televisiva “Le Iene” gli dedicasse spazio. Nel servizio andato in onda nella primavera del 2017 si raccontava con dovizia di dettagli e diverse testimonianze di un gioco che in Russia era stato all’origine di un’epidemia di suicidi tra gli adolescenti. Dietro a questo macabro gioco si era così scoperta una rete di loschi individui che, in internet e sui social, torturavano psicologicamente le loro vittime, ragazzi e ragazze che una volta plagiati s’infliggevano le peggiori sofferenze fisiche pur di stare al passo con la sfida e superare i vari livelli del gioco. Fino al punto che alcuni di loro questo gioco riuscivano perfino a completarlo arrivando a tagliare il traguardo finale: togliersi la vita.

VUOI LEGGERE DI PIÙ?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere GAS scopri le possibilità

Sei socio o hai già un abbonamento? .

Read more

Gobbi, in guerra con l’economia

In una regione la cui economia si regge anche sui frontalieri, andare a brutalizzare parte della forza lavoro e perfino alcuni imprenditori che hanno scelto il Ticino generando ricchezza nel nostro Cantone, facendo girare l’economia e in qualche caso creando perfino centinaia di posti di lavoro, significa una cosa soltanto: tirarsi la zappa sui piedi. Di più, caro Norman, vuol dire colpirsi di proposito e a più riprese nelle parti basse. Una guerra all’economia che è pura follia. Masochismo allo stato puro.

Read more

Chi è Francesco Sottobosco?

C’è un una specie di Zorro che da Facebook con cadenza giornaliera dispensa stilettate ironiche, talvolta caustiche, ma sempre cariche di un riso amaro, amarissimo, a commento della realtà, ma soprattutto di certa politica cantonticinese. E non uso cantonticinese a caso. Costui si chiama Francesco Sottobosco. La sua però è un’identità farlocca, perché la foto del suo profilo è quella di Kevin Spacey, protagonista della serie tivù “House of Cards” che racconta e svela gli intrighi del potere, non fosse altro per il fatto che questo è proprio il sottotitolo in italiano della serie di cui Frank Underwood è protagonista.

Read more

Hendrix, un genio tra mito e leggenda

Accadeva il 18 settembre del 1970. Ad appena 27 anni, come altre figure leggendarie della musica rock prima e dopo di lui, si spegneva la fiamma mortale del più grande chitarrista della storia, ma di certo non il suo mito. Ed è per questa ragione che, di James Marshall Hendrix detto Jimi, a cinquant’anni esatti dal quel triste giorno rimane intatta l’immagine ma soprattutto la musica, le canzoni e le esibizioni dal vivo di un alieno che con il suo rapido passaggio terreno segnerà ben più d’una generazione.

Read more

Attenti a quei Gobbi

Tra i “superpoteri” della televisione c’è quello di vomitar parole. Di dire tutto e il contrario di tutto. Di anestetizzare il sentire comune. Ma anche di mettere a nudo sentimenti, di farlo al limite della pornografia. È una Polaroid degli istinti e dei piaceri più inconfessabili. Certa pornografia è la raffigurazione esplicita di un desiderio intimo. Segreto. Quello di Norman Gobbi, dopo aver visto il “Falò” di cui tutti ancora parlano a distanza di settimane dalla messa in onda dell’inchiesta giornalistica, è che, al Norman, ribollono le busecche.

Read more

La guerra dei Black Sabbath

Dopo “La buona novella” di Fabrizio De André, l’omonimo album dei The Trip continua il viaggio a ritroso nel tempo con un altro di quegli album che, malgrado compiano cinquant’anni esatti proprio quest’anno, la loro età non la dimostrano affatto. Paranoid è il secondo lavoro discografico dei Black Sabbath, una band di Birmingham all’epoca ancora semisconosciuta, uscito nei negozi del Regno Unito il 18 settembre 1970. A pubblicarlo è la leggendaria etichetta discografica Vertigo Records.

Read more

PizzAut, la pizza dei ragazzi autistici

Parliamo di un progetto milanese, una prima di PizzAut. La via scelta è stata quella di puntate tutto su di una pizza “inclusiva”, per dare uno spiraglio di libertà e di speranza a un gruppo di ragazzi affetti da autismo. Inizialmente il progetto PizzAut prevedeva l’apertura nella scorsa primavera di una pizzeria, di un locale vero e proprio gestito esclusivamente da ragazzi autistici e, come detto, sarebbe stato il primo anche al di fuori della città di Milano, se non si fosse nel frattempo messo di traverso il coronavirus e tutto ciò che ben sappiamo

Read more

Un viaggio psichedelico a suon di rock

A volte la musica del passato ci regala tesori inaspettati, gemme che riaffiorano dal fondo di un mare oscuro che tutto cancella e dimentica. Così, quando ciò accade, finisce che lo stupore e l’emozione, si mescolano alla soddisfazione per questo piccolo miracolo. Cosa questa che è successa, per esempio, esattamente cinquant’anni fa con il primo album omonimo della band italiana “The Trip” che, all’inizio dei primi anni Settanta, si affacciò sulla scena progressive italiana.

Read more

C’era una volta Ennio Morricone

Aveva 91 anni Ennio Morricone che, pochi giorni fa, era caduto in casa rompendosi un femore. È morto in una clinica romana proprio per le conseguenze di quella caduta. Perché la vita è così, l’età ti rende fragile e poi… puff… basta un nonnulla per farti lo sgambetto e arrivederci e grazie e così sia. Di Ennio però non ci dimenticheremo tanto in fretta perché a farci compagnia, a commuoverci o farci ubriacare di gioire rimarrà il suo estro creativo e la sua musica straordinaria

Read more

Vittorio Gassman, il mattatore

Il 29 giugno di vent’anni fa, Vittorio Gassman moriva nella sua casa di Roma a causa di un improvviso attacco cardiaco. Si spegnerà nel sonno, mentre stava dormendo, lontano dai riflettori. Aveva 77 anni. Sepolto nel cimitero romano del Verano, sulla sula lapide, una piccola lastra di pietra a forma di libro aperto, c’è inciso il seguente epitaffio, una battuta voluta da lui stesso: “Non fu mai impallato!”.Impallare, che nel gergo dello spettacolo, significa coprire con il proprio corpo un altro attore sottraendolo alla vista del pubblico o all’obiettivo della telecamera.

Read more