La setta del lusso e dei selfie

Dire “Tu Chiesa” non fa certo figo e non suona altrettanto bene di “You Church”, sebbene il significato sia quello. Inglese a parte, si tratta del movimento religioso che ha la sua base operativa a Kloten di cui recentemente 20 Minuten ha scritto. Raccogliendo lo sfogo di una madre che ha visto entrambe le proprie figlie finire nelle grinfie di “You Church”, creata dal nuovo messia Jella Wojaceck, ad essere stati denunciati sono soprattutto i metodi poco trasparenti della fantomatica chiesa.

Read more

L’inverno del nostro scontento

“L’inverno sta arrivando” è uno fra gli adagi, tra le frasi che hanno reso celebre la serie televisiva “Il Trono di Spade”. Un monito che Donald Trump, senza chiedere il permesso a nessuno, ha fatto suo. Lo ha piegato a suo favore, a uso e consumo della propaganda elettorale con la quale in questi giorni sta aizzando la base del suo elettorato affinché vada in massa alle urne per le elezioni di metà mandato.

Read more

Il Ghiro e le paludi del pensiero

Giorgio Ghiringhelli non risparmia accuse a nessuno. Col piccone, dal suo blog, il Guastafeste ci va giù secco, quando proprio deve. Tessendo le proprie trame fatte d’intrighi. Bacchettando globalisti, buonisti e giornalisti. Forse perché – come canta Vasco Rossi – la vita è un brivido che vola via. È tutto un equilibrio sopra la follia. E quando s’inciampa, addio.

Read more

L’ignoranza al potere

Salvini sorvola ad arte sul fatto che la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo è un organo del Consiglio d’Europa, un’istituzione giuridicamente diverso dall’Unione Europea che include ben 47 Paesi tra i quali figurano anche la Svizzera, la Turchia e la tanto cara Santa Madre Russia. Al netto delle cazzate dette ultimamente al di qua e al di là dell’oceano la triste verità è una sola. Quella che abbiamo di fronte, la classe politica emergente è fatta perlopiù d’ignoranti o peggio di bugiardi incalliti. Sempre che sia davvero più grave raccontar frottole o inventarsele, le cose, piuttosto che non saperle

Read more

Ma che caldo fa all’inferno?

Siamo alla frutta. La catastrofe è alle porte. E noi non ci possiamo fare più nulla. Forse non abbiamo mai potuto farci davvero granché. Ad aiutarmi nello schiarirmi le idee che sto per esporvi, c’era il fruscio della radio. Un angosciante silenzio alieno. Ieri sera nessuna delle tre reti radio della RSI dava segni di vita sulle frequenze FM. Solo una coincidenza? Probabile. Eppure un caldo come quello di ieri non s’era mai visto ad autunno inoltrato e quella che dovrebbe essersi già conclusa da un po’ è stata, stando ai rilevamenti fatti da quando si è iniziato a farli con metodo scientifico, un’estate da record.

Read more