La mafia di casa mia

Sono almeno una ventina le cellule mafiose presenti e operanti sul territorio della Confederazione. È questo il dato più che allarmante dell’infezione criminale in corso. Del resto il sospetto che l’operazione congiunta con le forze dell’ordine italiane, grazie alla quale qualche giorno fa sono stati arrestati numerosi esponenti della ‘ndrangheta, non fosse un caso isolato noi lo avevamo avuto fin da subito

Read more

‘Ndrangheta e cioccolato

Chissà se c’è ancora qualcuno che ha il coraggio di sostenere che le mafie in Svizzera, e in Ticino in particolare, non esistono. Probabilmente non dopo il blitz dei giorni scorsi a seguito di un’inchiesta che ha visto unite le forze investigative di Berna e Roma. L’operazione ha portato all’arresto di 75 persone e di altre 158 indagate per i reati di associazione mafiosa, associazione dedita al traffico internazionale di sostanze stupefacenti, riciclaggio, fittizia intestazione di beni, corruzione e altri reati, aggravati dalle modalità mafiose.

Read more

Quando la tigre non fa miao

Lo zoo di Zurigo è stato tra i primi a riaprire dopo il lockdown. Una riapertura segnata però da un incidente costato la vita a una dipendente di 55 anni che è stata morsa e uccisa da una tigre siberiana. L’addetta alla cura degli animali è stata azzannata domenica intorno alle 13.30 sotto gli occhi di alcuni visitatori che hanno assistito increduli alla scena, accorgendosi fin da subito di come non avesse nulla a che vedere con un film di finzione, ma piuttosto con qualcosa di terribile e raccapricciante che si stava consumando lì, in quel momento, davanti ai loro occhi. Per la donna le ferite riportate sono state fatali al punto che, malgrado i soccorsi siano stati immediati, non c’è stato davvero più nulla da fare.

Read more

Ron Jeremy, da re del porno a stupratore

“Se venissero assegnate medaglie d’oro per la realizzazione dei film porno, Ron Jeremy sarebbe stato il campione di tutti i tempi.” Era questo l’incipit di un articolo/intervista del 2008 dedicatogli dalla prestigiosa rivista americana TIME. “Ron Jeremy, la mia vita da pornostar”, il titolo. Il pornoattore nel 2003 è stato perfino votato come il migliore attore porno di sempre. RonJeremy, che oggi ha 67 anni e il cui vero nome è Ronald Jeremy Hyatt, è comparso nei giorni scorsi a Los Angeles, in manette e mascherina, davanti a un giudice che lo ha formalmente incriminato di stupro e di aggressione sessuale nei confronti di quattro donne.

Read more

Marchesi: stop agli spot della Bennet

Il Pierino della politica ticinese è tornato a farsi sentire con forza. Il Presidente dell’UDC cantonale Piero Marchesi si è detto indignato. Di più, furioso. Sarà perché in Svizzera il Ticino si conferma maglia nera nel mercato del lavoro? Siamo quelli coi salari più bassi: 1200 franchi in meno di media. Con più frontalieri e disoccupati. Eppure no. Pierino non è di questo che si lamenta. Lo statista democentrista è incazzato nero con la RSI, rea di aver trasmesso la réclame di un supermercato d’oltreconfine.

Read more

Bellinzona: la cultura può attendere

Eccola lì puntuale, la doccia fredda. L’idea di dar vita a Bellinzona a una “Casa della Cultura” negli spazi dell’ex Ospedale di Ravecchia torna, almeno per il momento, a far la polvere in soffitta. La Confederazione, peraltro legittima proprietaria dell’edificio, ha fatto sapere alla Città, che si era detta intenzionata ad acquistarlo per poco più di quattro milioni e mezzo di franchi, di avere altri progetti per quello stabile.

Read more

C’è del razzismo nell’aria?

“I can’t breathe”. Sembra davvero questo il mantra del nostro tempo. Non respiro, non riesco a farlo. Se per via del caldo, del virus o di un ginocchio piantato sul collo è, tutto sommato, un dettaglio. Paradossalmente la conclusione rimane la stessa. Sia che si tratti di surriscaldamento climatico o di razzismo. Pensiamoci. E la causa pure. George Floyd non sarà l’ultima vittima del razzismo che trasuda dalle nostre società. George Floyd non sarà l’ultimo uomo a essere soffocato a morte dal sistema.

Read more

Quella legge del Covid

Chi ci governa non è come voi e neppure come me. È più come un Harry Potter (era Christian Vitta a immaginarsi come il maghetto, giusto?) munito di bacchetta. E quella bacchetta non è altro che il potere di fare e disfare le leggi. Ma non certo a proprio piacimento andando a zonzo quando a noi comuni babbani (o babbei?) tutto ciò non è consentito. La credibilità delle istituzioni, il loro potere dipende anche dagli uomini che le rappresentano.

Read more