Soletta e i sette asilanti morti nel rogo

Uomini, donne e bambini che probabilmente credevano di aver trovato la loro salvezza in Svizzera. In una bella cittadina sul fiume Aar, placida e tranquilla. E invece no. È lì che hanno trovato la fine. In assoluto la peggiore delle morti. Manco fossero stati condannati a espirare chissà quale diabolico crimine nel più terribile dei modi. E invece no. L’unica loro colpa era probabilmente quella di essere nati dalla parte sbagliata dell’Equatore e di non potersi certo permettere di scegliere dove vivere.

Read more

Cartoline da Marte

Ma perché andare su Marte, un pianeta brullo e inospitale non esattamente dietro l’angolo? Perché è un pianeta roccioso proprio come il nostro, formatosi circa 4,5 miliardi di anni fa, più o meno nello stesso periodo in cui si è formata la Terra e altri pianeti del sistema solare a loro simili come Mercurio e Venere. Così, conoscere meglio Marte potrebbe aiutarci a comprendere un po’ di più anche la genesi del nostro, di pianeta.

Read more

La poesia del reale di Bernardo Bertolucci

Un imperatore del cinema che saputo farci pensare, emozionare, indignarci, sorridere.Un (anti)conformista col quale abbiamo sorseggiato un tè nel deserto, ballato da sole, attraversato parte del Novecento e non solo. Perché i sogni, quelli fatti di celluloide sopravvivono anche ai loro autori, al punto da fissarsi indelebilmente nell’inconscio collettivo. Come se fossero la sacra sindone del nostro tempo. Alla faccia della censura e perfino della morte.

Read more

Autodeterminazione, no grazie?

La controversa iniziativa per l’autodeterminazione è stata bocciata ieri dalla maggioranza del popolo svizzero. Le tesi difese dai democentristi non sono riuscite a fare breccia nell’elettorato elvetico, certo. Nemmeno in Ticino, dove il NO ha racimolato un incoraggiante 53,9% dei votanti. Ma intanto il veleno, proprio come una goccia d’inchiostro che cade e continua a cadere in un bicchier d’acqua, ha ulteriormente intossicato il clima politico. Lo ha fatto giocando ancora una volta con la pancia del Paese, in uno stillicidio che continua da anni.

Read more

Il fascismo non è donna

Bravi ragazzi, con un lavoro, la bella macchina, l’abbonamento alla palestra e la tartaruga scolpita. Fieri del loro aspetto. Figli di una cultura fascista che crudelmente massacrano, accoltellano, strangolano, incendiano, sfigurano con l’acido o uccidono. Con l’incapacità di vedere che di fronte hanno un essere umano. Una creatura la cui sofferenza è vista soltanto come un segno di debolezza

Read more

Dalla Danimarca termovalorizzando il futuro

Quarto castello a parte, sorto a imperitura memoria nel Bellinzonese quand’era ancora a capo del dicastero del territorio un certo Borradori, d’inceneritori ce ne sono davvero d’ogni forma e dimensione. Eppure, uno come quello costruito in Danimarca, ancora non lo avevamo visto e neppure immaginato nei nostri incubi peggiori. Costato la ragguardevole cifra di 670 milioni di dollari, produrrà energia a impatto zero bruciando i rifiuti della città di Copenhagen e dintorni.

Read more

El Chapo a processo

È iniziato ormai da qualche giorno, a New York, il processo a Joaquín Guzmán Loera, il sessantunenne noto ai più come “El Chapo”. Il piccoletto. Che però tanto piccolo non dev’essere se nella sua brillante carriera da narcotrafficante pare abbia accumulato la bellezza di 14 miliardi di dollari. Giusto per capirci stiamo parlando di più del doppio di quelli accumulati in anni e anni di onesto lavoro dal cavalier Berlusconi.

Read more

La conta dei suicidi di campagna

Tra il 1991 e il 2014 sono stati poco meno di 500 i contadini svizzeri che si sono tolti la vita. Insomma la metà di mille in poco più di vent’anni. Ad attestarlo drammaticamente è uno studio del Fondo nazionale condotto dai ricercatori dell’università di Berna sulla scorta di uno studio accurato condotto su di un campione di 90’000 persone, attive nel settore primario della nostra economia. Un rischio suicidio del 37% più alto se confrontato con il resto della popolazione.

Read more