Iran, un passo verso i diritti umani

Il 15 ottobre scorso il capo della magistratura della Repubblica Islamica dell’Iran, Ayatollah Ebrahim Raissi, ha firmato il documento “sulla sicurezza del sistema giudiziario”, pubblicato e reso noto dal canale ufficiale delle autorità “Mizan Online”; con questo documento la magistratura mette al bando la tortura, l’utilizzo di confessioni forzate per giustificare le condanne, la detenzione in cella di isolamento e la custodia cautelare illegale, oltre il limite previsto dalla legge.

Read more

La guerra libica per procura

Il 27 aprile scorso il generale dell’esercito nazionale libico (LNA) Khalifa Haftar si è autoproclamato capo indiscusso della Libia, in una dichiarazione alla televisione Al Hadath, ponendo praticamente fine agli accordi di Skhirat; accordi firmati il 17 dicembre 2015 alla presenza di parlamentari di Tripoli e di Tobruk, sotto l’egida dell’ONU, per la creazione di un “Governo di Accordo Nazionale” (GNA).

Read more

Libertà di stampa, non sempre è scontata

Oggi, 3 maggio si celebra il ventisettesimo anniversario della giornata internazionale della libertà di stampa, istituita dall’assemblea generale dell’UNESCO nel 1993, riconosciuta nella Dichiarazione universale dei diritti umani, secondo cui “ogni individuo ha diritto alla libertà di opinione e di espressione, incluso il diritto di non essere molestato per la propria opinione e quello di cercare, ricevere e diffondere informazioni e idee attraverso ogni mezzo e frontiera”.

Read more