Il nero che sconfiggerà Casapound

Un fantasma in carne e ossa s’aggira per l’Europa. È l’uomo nero. Utilizzato come capro espiatorio dei nostri mali e, assieme a molti altri, come nutrimento al rigurgito nazifascista. Ma proprio quest’uomo, sovente impiegato assieme agli altri lavoratori-schiavi in condizioni di stipendio e di alloggio miserabili, ha un alter-ego in tutti i sensi, un suo insospettabile “doppio” che fa strame dei pregiudizi razziali e ne fa emergere le contraddizioni. È il celebrato e ricchissimo campione dello sport, l’asso del basket e del football americano e, dalle nostre e altre parti, citando (per i diversamente giovani) Pelé e Garrincha, il calciatore.

Read more

iPhone e web “socialisti”? Fine della cuccagna

Ma l’iPhone è mio, come dice quell’ “io” che ha sostituito il “noi”
di recente memoria? Pagato il prezzo del mezzo, ho diritto a tutti i contenuti? Ma certo- ci hanno detto i padri del we – tutte le immagini, le parole e la musica liberamente accessibili a tutti: la cuccagna! Ma com’è che ci fanno regali del genere nell’epoca in cui il capitalismo trionfante s’appresta a privatizzare l’aria e a venderla in sacchetti di “cellophan” a 5 cents al cm cubo?

Read more

L’esorcista, Don Sandro, il Diavolo e Marx

Un esorcista che a “Storie” dice di non aver trovato il Demonio nelle persone da esorcizzare, ma che al 99% le persone che vanno da lui sono in preda a “gravi sofferenze personali” e nemmeno nell’1% rimanente individua il Diavolo ma piuttosto “comportamenti umanamente incomprensibili”? Don Sandro Vitalini a “Storie”, sulla RSI,vede piuttosto il Diavolo nei mali del mondo:guerre, fame, povertà.

Read more

Il sogno di Walaschek (e quello di Petkovic)

La sensazionale impresa della Svizzera che ha battuto per 5 a 2 il Belgio, primo classificato nel “ranking” della Fifa ( tiene conto dei risultati negli ultimi 5 anni) è la più grande impresa nella storia del calcio rossocrociato? Per quanto simili confronti siano opinabili, no. Non eguaglia il 4 a 2 inflitto alla grande Germania al Parc des Princes di Parigi il 9 giugno 1938 nella ripetizione prima partita finita 1-1, rete di Trello Abegglen.

Read more

Fratelli d’Italia, Paoletta s’è desta

Ne uccide (metaforicamente) più la penne del cannone? In questo caso più una ragazza che”schiaccia” la palla salendo ad altezze impressionanti, di molti antifascisti che si prodigano per evitare il ritorno di certe leggi e certa mentalità. Al punto da costringere Salvini a una clamorosa marcia indietro, incurante, come solito, della logica e della coerenza: “grandi ragazze, l’Italia è con voi!!!”.

Read more