Wengen: il grande “bluff” dei falsi “pistoleros”

Hanno aspettato che la tensione per il Covid-19 calasse un po’ e poi sono usciti dal saloon, le mani sul calcio della pistola: “bastardo, nascondevi l’asso nella manica”. Ma i “pistoleros” delle nevi eterne, Urs Näpflin, boss del “Lauberhorn” di Wengen e Urs Lehmann, boss della Federazione Svizzera di sci, erano al massimo due astuti magliari

Read more

Helmut Marko di Red Bull: “Infettiamo i piloti”

“Propongo di radunare 8-10 piloti in formazione in un “camp” con Verstappen, Kvyat, Gaslye Albon a stretto contatto affinché possano contagiarsi presto a vicenda e sviluppare un’immunità personale: sarebbe molto utile per essere al top quando la stagione di Formula 1 potrà iniziare”. Barzelletta di cattivo gusto, “fake news”? No, tutto vero, espresso a “Sport am Sonntag”, la ” Domenica sportiva” della televisione di Stato austriaca ORF, dal consulente della scuderia RED BULL, Dr. Helmut Marko

Read more

Greta & Co. a rete: Federer e CS K.O.!

Multati in media di 500 franchi (commutabili in 13-20 giorni di prigione) per “violazione di domicilio e resistenza alla forza pubblica” in seguito a un girotondo travestiti da tennisti in una succursale del Credito Svizzero, i 12 attivisti di “Action Climat” sono stati assolti e anzi benedetti dal Tribunale Distrettuale di Renens dopo aver manifestato contro i milioni investiti nelle energie fossili, e aver messo in cattiva luce , con la Banca, anche il cocco della Patria, il divino Federer, suo “testimonial” principale.

Read more

L’africana che salvò ul nost dialett

Quei “fuchi” di Comano! Massacrati in occasione della campagna “No-Billag”, seduti sulle sponde del Vedeggio (lo Yangtze dei poveri) in attesa di un gradito passaggio a pelo d’acqua, hanno ordito uno scherzo che più cinese di così non si può: per trattare il delicato tema del rapporto fra italiano e dialetto hanno scelto un’ex profuga africana scappata dalla guerra del Biafra che in teoria avrebbe dovuto essere rispedita in Nigeria (pacificata secondo i nostri funzionari) con i genitori, ma ha potuto rimanere per problemi di salute.

Read more

S.”Poupou” Poulidor, assunto in Cielo

Poulidor non ha avuto bisogno di chiedersi se un giorno andrà con i Santi in paradiso: era già stato santificato da una parte della Francia , quella dalle unghie nere di terra e di catrame; lo avevano eletto a protettore degli eterni perdenti, di quelli che prendono palate di palta in testa. Lui sempre gentile, mai astioso, capace persino di ironizzare su se stesso

Read more