Rocco Casalino, portavoce del disprezzo.

Dagli insulti gridati sui vari palchi d’Italia dal leader Grillo, alle recenti parole poco lusinghiere di Di Maio al sindaco di Milano Sala, definito un “fighetto”, fino alle gravissime ingiurie ai giornalisti chiamati “sciacalli” e “pennivendoli-prostitute” (il termine usato nella realtà era ben peggiore ma preferiamo non riportarlo) da Alessandro Di Battista, i Cinque Stelle sono abituati ad un linguaggio da osteria. Ciò poteva essere comprensibile, seppur inaccettabile, quando facevano parte dell’opposizione. Ora che però sono al potere e che, come da sempre hanno sostenuto, vogliono cambiare il Paese in meglio, hanno il dovere di curare la comunicazione e di trovare un linguaggio consono ad un Paese civile.

Read more

Di Maio e il condono edilizio: due pesi e due misure

I Cinque Stelle dunque continuano a dare al rispetto delle regole una loro personale interpretazione. Ciò che è duramente condannato ad oppositori politici, agli esponenti del Movimento, soprattutto ai fedelissimi, è spesso concesso. Le regole, che gli altri devono rispettare pena un esasperante giustizialismo e pubblica gogna, vengono interpretate a loro piacimento, in base alla necessità del momento

Read more

Mimmo Lucano e il reato d’umanità

Il caso Lucano è solo una ulteriore conferma, per le Nazioni Unite, che in Italia il clima sta cambiando e, purtroppo, non in meglio. Intolleranza, razzismo, violenza fisica e verbale nei confronti dei migranti sono ormai la norma e, ben più grave, non condannate con la dovuta forza dall’attuale governo.

Per questo, in una terra poverissima e oppressa dalla ‘Ndrangheta, Mimmo Lucano e il suo impegno per lo sviluppo del territorio brillano come le stelle in una notte buia.

Read more

Salvini e Lega, 49 milioni di scheletri nell’armadio

La difesa dei cittadini è impossibile se si sottrae loro denaro pubblico, frutto delle tasse che gli stessi versano e che dovrebbe servire per far crescere il Paese e garantirne la sicurezza e la stabilità che Salvini promette da anni. Una truffa simile sa molto di presa in giro, soprattutto quando si accusano dei poveri disgraziati che attraversano il Mediterraneo su un gommone in cerca di una vita almeno passabile di essere la causa di tutti i mali dell’Italia.

Read more