Qualcosa là fuori: il disastro climatico

Ogni tanto, quasi per caso, capita di leggere un romanzo che non ti aspetti, che avevi immaginato diverso. È il caso di “Qualcosa là fuori” di Bruno Arpaia, (Guanda), che racconta di un mondo nella seconda metà di questo secolo. Il mondo è ormai devastato dal disastro climatico e buona parte del pianeta è invivibile: l’acqua è un bene prezioso, il cibo una rarità, la violenza all’ordine del giorno. Come evidenzia l’autore nella postfazione, il mondo descritto è quello ipotizzato dagli scienziati nell’ipotesi in cui non si faccia nulla o troppo poco per cercare di salvare il nostro futuro e quindi la temperatura si avvicinerà alla soglia di allarme (e irreversibile) dei 4 gradi centigradi.

Read more

Un nuovo futuro col reddito minimo

GAS mi ha chiesto più volte di scrivere a proposito del reddito minimo garantito o del reddito universale, ma ho sempre aggirato il tema trattandolo indirettamente. Oggi voglio provare ad accontentarlo immaginando un modello economico (minimo e indicativo) che parta proprio da questa idea, sperando poi che i lettori di Gas-Social possano contribuire con suggerimenti: anche se non interessa alla maggioranza della politica, nulla ci vieta di divertirci a immaginare un mondo migliore!

Read more

È urgente un nuovo New Deal

Sarebbe auspicabile iniziare da subito a pensare a un nuovo modello di sviluppo che sia più solidale, sostenibile e inclusivo, dove al centro non ci sia la finanza ma l’individuo e la produzione di beni e servizi realmente necessari. Abbiamo la possibilità di trasformare questa esperienza negativa nella possibilità di un nuovo “rimbalzo in avanti” su basi diverse. Un nuovo “New Deal” dove al centro c’è l’individuo e non il capitale. Ma, soprattutto, è centrale poter disporre di un reddito minimo garantito affinché diventi possibile implementare un sistema economico sostenibile, basato sulla possibilità del singolo individuo di sviluppare le proprie potenzialità, indipendentemente dalla classe sociale.

Read more

Forse…

Forse (questo virus) ci farà capire che non possiamo continuare a tagliare le spese pubbliche (tra cui quelle della sanità) perché bisogna assolutamente risparmiare affinché le risorse vadano alle imprese private che devono essere “competitive”. Perché poi, durante le pandemie, ci troviamo con scarsità di personale, di posti letto e di mezzi finanziari. I cinesi hanno costruito alcuni ospedali in una decina di giorni, noi non sembriamo in grado di farlo e non abbiamo (credo) nemmeno più gli ospedali dell’esercito che potrebbero essere utili nelle situazioni di emergenza, molto più utili dei nuovi aerei da combattimento.

Read more

La classe media più pericolosa del virus

Ora i nodi di un modello che ha puntato tutto sulla finanziarizzazione stanno venendo al pettine. Un virus anomalo (ma per molti aspetti normale) sta mettendo in ginocchio il sistema economico mondiale basato su una circolazione assurda di merci, servizi e persone. In prospettiva di medio e lungo termine, il problema sta però nell’indebolimento della classe media che da sempre – perlomeno dalla consolidazione della rivoluzione industriale – è il pilastro sul quale poggia la crescita economica e sociale.

Read more

Un Cantone sempre a rimorchio

Secondo i dati Ilo, il tasso di disoccupazione in Ticino è dell’8,1%, mentre a livello nazionale siamo al 4,6%. In Lombardia era a fine dicembre al 5.1%. I dati Svizzeri potrebbero sorprendere perché ogni mese ci propongono ben altre cifre: circa 2% a livello nazionale e 2,5% in Ticino. Dove sta la discrepanza? Semplice. I dati “ufficiali” pubblicati dalla Seco considerano solo gli iscritti agli uffici di disoccupazione e aventi diritti alla rendita, mentre i dati Ilo valutano (tramite campione) tutti coloro che sono alla ricerca di un lavoro. Come si vede le due statistiche hanno dimensioni ben diverse. In realtà sarebbe opportuno abbandonare i dati ingannevoli della Seco e passare a una metodologia in linea con i dati Ilo o dell’Ufficio europeo di statistica, perché i primi non fanno altro che mostrare solo una parte minima della realtà.

VUOI LEGGERE DI PIÙ?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere GAS scopri le possibilità

Sei socio o hai già un abbonamento? .

Read more