Sui social la vita continua ancora

Quando parliamo di social network oppure di apparecchi elettronici ci soffermiamo principalmente sui rischi che essi comportano. Il cellulare, arma e droga dei tempi moderni, è il prolungamento della mano, ma anche della nostra vita. Nello schermo luminoso racchiudiamo infatti frammenti della nostra esistenza. E lì rimangono, anche dopo la nostra scomparsa, come fossero un testamento.

Read more

San Suu Kyi come Orbán: la strana coppia contro l’immigrazione e l’Islam

In un raro viaggio in Europa, la consigliera birmana e premio Nobel per la pace Aung San Suu Kyi, ha incontrato il premier ungherese Viktor Orbán a Budapest. I due leader hanno trovato un terreno comune sul tema dell’immigrazione e la crescita demografica della popolazione musulmana, definendo quest’ultima “un problema”.

Read more

L’Eurovision a Tel Aviv: polvere di bombe e di stelle

Trionfano i Paesi Bassi all’Eurovision Song Contest grazie ad un talentuoso Duncan Laurence, che con la sua dolce ballata “Arcade”, conquista il cuore della giuria e del pubblico a casa. Seguono l’italiano Mahmood, che si aggiudica il secondo posto, e il nostro connazionale Luca Hänni, che sale al quarto. L’Eurovision 2019 a Tel Aviv sarà ricordato soprattutto per la sua polvere, polvere di bombe e di stelle.

Read more

Il corpo non è un campo di battaglia

Nella notte di martedì 23 aprile, la commissione ONU ha approvato la mozione contro gli stupri di guerra. La decisione arriva dopo una lunga e dura trattativa che vedeva contrapposti USA, che minacciavano di porre il veto, e il resto degli Stati membri. Un passo avanti nel tentativo di debellare le violenze sessuali perpetrate durante i conflitti armati, eppure lascia comunque con l’amaro in bocca. Perché la risoluzione finale è stata snellita di alcune sue parti importanti. Perché c’è molto da fare e noi abbiamo appena iniziato.

Read more

Dragi Radovan, benvenuto in prigione!

È stato un discreto psichiatra, un poeta mediocre, un politico corrotto e un abile truffatore. Questo è Radovan Karadžić, condannato alcuni giorni fa all’ergastolo per i più gravi massacri ed eccidi avvenuti durante la guerra in Ex Jugoslavia. Questo è Karadžić, e se deve passare alla Storia, come vorrebbero i suoi sostenitori nazionalisti e negazionisti, lo deve fare con il giusto nome: criminale di guerra.

Read more

Genitori stranieri e figli svizzeri: storie di ordinaria incertezza e ingiustizia

Negli anni si sono rincorse diverse storie di genitori stranieri separarti dai propri figli: racconti di madri nubili a cui, dopo aver dato alla luce un bambino di nazionalità svizzera, non viene rinnovato il permesso di dimora, oppure storie di padri espulsi perché senza lavoro oppure in assistenza. Oggi veniamo a conoscenza di un’altra testimonianza, quella di un madre che per visitare il suo bambino in Svizzera deve pagare una garanzia di 30’000 franchi.

Read more

Pravda za Davida: in piazza Krajina è vietato morire

La gente, la mia gente, è stufa di mangiarsi la cenere dell’odio e di bersi il fumo delle promesse elettorali. I bosniaci vogliono respirare aria pulita, trasformarsi in tante piccole fenici e rinascere dalle proprie spoglie. Perché qui in Bosnia, che sia a Piazza Krajina, alla Baščaršija a Sarajevo o al ponte vecchio di Mostar, è vietato arrendersi. È vietato morire

Read more