Ciao Lugano, anche tu hai una periferia

E così, anche Lugano scopre di avere una periferia, di ospitare situazioni di disagio, degrado, marginalità. Di essere in fondo, al di là delle vetrine di Via Nassa e delle luci del Mercatino di Natale, una città come le altre. Un centro brillante e opulento circondato da una cintura dove si spaccia, si vive nella precarietà, dove si muore bruciati vivi a Natale, come Ignazio, o massacrati di botte, come la vittima di Viganello

Read more

Sui social la vita continua ancora

Quando parliamo di social network oppure di apparecchi elettronici ci soffermiamo principalmente sui rischi che essi comportano. Il cellulare, arma e droga dei tempi moderni, è il prolungamento della mano, ma anche della nostra vita. Nello schermo luminoso racchiudiamo infatti frammenti della nostra esistenza. E lì rimangono, anche dopo la nostra scomparsa, come fossero un testamento.

Read more

San Suu Kyi come Orbán: la strana coppia contro l’immigrazione e l’Islam

In un raro viaggio in Europa, la consigliera birmana e premio Nobel per la pace Aung San Suu Kyi, ha incontrato il premier ungherese Viktor Orbán a Budapest. I due leader hanno trovato un terreno comune sul tema dell’immigrazione e la crescita demografica della popolazione musulmana, definendo quest’ultima “un problema”.

Read more

L’Eurovision a Tel Aviv: polvere di bombe e di stelle

Trionfano i Paesi Bassi all’Eurovision Song Contest grazie ad un talentuoso Duncan Laurence, che con la sua dolce ballata “Arcade”, conquista il cuore della giuria e del pubblico a casa. Seguono l’italiano Mahmood, che si aggiudica il secondo posto, e il nostro connazionale Luca Hänni, che sale al quarto. L’Eurovision 2019 a Tel Aviv sarà ricordato soprattutto per la sua polvere, polvere di bombe e di stelle.

Read more

Il corpo non è un campo di battaglia

Nella notte di martedì 23 aprile, la commissione ONU ha approvato la mozione contro gli stupri di guerra. La decisione arriva dopo una lunga e dura trattativa che vedeva contrapposti USA, che minacciavano di porre il veto, e il resto degli Stati membri. Un passo avanti nel tentativo di debellare le violenze sessuali perpetrate durante i conflitti armati, eppure lascia comunque con l’amaro in bocca. Perché la risoluzione finale è stata snellita di alcune sue parti importanti. Perché c’è molto da fare e noi abbiamo appena iniziato.

Read more