Salario minimo e premio Nobel

Mentre in Ticino la politica del boccalino e del pareggio di bilancio infiamma gli animi, con economisti nostrani che spiegano dai banchi del Gran Consiglio il gioco delle tre carte, altrove, il Nobel 2021, premia tre economisti del lavoro che ci raccontano, con le loro ricerche effettuate sul campo, come le teorie che certa destra spaccia come il sacro verbo scolpito sulla pietra, in realtà sono solo balle, buone per premiare i ricchi e tartassare il resto della popolazione che, forse varrebbe la pena ribadirlo, sono la maggioranza del Paese. Ma cerchiamo di capire cosa dicono i tre Nobel 2021 per l’economia.

Read more

Caos elettricità, materie prime e chip

Sarà forse per il bisogno d’immaginarci scenari che reggano con la pandemia, cioè roba da palati forti. Sarà che la pandemia c’ha abituato a sapori robusti e a pensieri per nulla rassicuranti. Fatto sta che ciò che stiamo vivendo ultimamente e le previsioni di ciò che ci aspetta sono tutt’altro che rosee. Dalla penuria di elettricità con l’inevitabile rischio blackout, alle materie prime che a partire da legno e carta già scarseggiano, così come pure le componenti automobilistiche, chip in primis. Certo proprio loro, ma senza esse. Quindi nulla a che fare con le pommes frites. E c’è poco da scherzare. Perché visto ciò che ci aspetta, siamo davvero fritti.

Read more

La volpe non brilla in furbizia

Segui, segui la volpe. Attento a dove metti i piedi però, perché potresti finire dritto dritto in un bel trappolone. Lui non commenta, né smentisce. Ma, a quanto pare, fra quelli che in Ticino si sono fatti fregare dal finto principe etiope nel frattempo finito dietro le sbarre della Farera ci sarebbe pure lui, Silvio Tarchini, mister Fox Town. Che stavolta non se la ride granché sotto i baffi.

Read more

Attrice russa bagna il naso a Tom Cruise

È l’attrice russa Yulia Peresild, la prima star del cinema protagonista di un film girato nello spazio. E, a proposito di spazio e di stelle, Yulia ha soffiato il primato sia a Tom Cruise (questa per lui sarà davvero una mission impossible) che all’ormai novantenne capitano Kirk William Shatner. Così Mosca batte Hollywood nella corsa allo spazio. Del resto l’America avrà anche vinto la corsa alla luna, ma i russi, a giusta ragione, possono vantare il maggior numero di primati fin qui conquistati. Il primo satellite, il primo cane nello spazio, il primo uomo, la prima donna, la prima passeggiata spaziale, il primo equipaggio composto da più membri, la prima stazione orbitante. E adesso anche il primo film.

Read more

Il soldino per un vaccino

La notizia ha davvero fatto il giro del mondo. Un premio in denaro se porti un amico a vaccinarsi. È la strategia sulla quale ha deciso di puntare il Consiglio federale. Tu mi convinci, manco fossi un venditore di pentole porta a porta, e per questo verrai premiato con un bel buono da spendere dove meglio credi. Cinema o ristorante, vedi tu. Una tecnica che è già piuttosto diffusa nel mondo del commercio. Per ogni nuovo vaccinato avrai un premio. Portarci un amico, dai, e in cambio riceverai cinquanta bei franchetti. E, chissà, forse – ironia a parte – c’è davvero bisogno di provarle tutte pur di contrastare la straordinaria resistenza di taluni al non vaccinarsi. Anche una piccola ricompensa per chi riesce a convincerti che ne valeva davvero la pena potrebbe essere utile. Staremo a vedere.

Read more

Youth4Climate, basta bla bla bla

Come si è concluso il vertice dei giovani rappresentanti del movimento Youth4Climate a favore dell’ambiente tenutosi a Milano? Di sicuro con la promessa di non mollare la presa e di continuare a battersi, perché quello del cambiamento climatico è un tema che va affrontato con i fatti. Non a chiacchiere. I quattrocento giovani delegati giunti nella capitale lombarda hanno proprio voluto ribadire come le decisioni e gli impegni fin qui presi dai principali governi del Pianeta siano sostanzialmente una mezza presa in giro.

Read more

Il tonfo della Lega, bye bye Cinquestelle

Oggi, in Italia, al termine del primo turno delle elezioni amministrative, è già possibile tracciare il bilancio di una battaglia elettorale che ha visto la destra e la sinistra sfidarsi sul terreno delle quattro più grandi e popolose città della Penisola: Roma, Milano Napoli e Torino. La sinistra ha vinto facile a Milano e Napoli dov’era alleata con i Cinquestelle (a cui si aggiunge anche il successo conquistato a Bologna) e andrà al ballottaggio a Roma e Torino. Dal punto di vista politico, c’è senza dubbio la significativa battuta d’arresto della Lega a trazione salviniana e il drastico ridimensionamento del movimento fondato da Beppe Grillo. Il vero trionfo è stato però quello dell’astensione. Un solo elettore su due è andato a votare.

Read more

Ceresio, un lago solo da guardare?

Oggi parliamo di lui, del lago che bagna Lugano e che da Porlezza scende fino a Porto Ceresio. Un maestoso specchio d’acqua che, non di rado (e parrebbe sempre di più in futuro), si colora di una bella tinta verderame, tanto che l’anno scorso le sue immagini hanno addirittura fatto il giro del mondo. Un lago che soffre, perché il color verde brillante è dato dalle alghe che, a causa dell’aumento ben al di sopra dei normali livelli della temperatura dell’acqua, crescono oltre il dovuto. È quindi un lago da salvaguardare, da proteggere. E, perché no, da valorizzare. Così, anche per questa ragione, è stata accolta con favore la notizia degli scorsi giorni in merito all’inaugurazione della E-Ceresio, la prima motonave a propulsione totalmente elettrica e a emissioni zero.

Read more

No vax, a nozze coi social

I covidioti. O i vacchinati. Sono due dei neologismi con i quali mi sono imbattuto sui social, frutto della fantasia, dell’inventiva no vax e usati per definire i vaccinati. La rabbia, la cattiveria ma soprattutto la costanza nel pubblicare post di alcuni esponenti della frangia di contrari ai vaccini e scettici di fronte alla reale portata della pandemia, mi ha fatto pensare. Com’era quella storiella che girava all’inizio di tutto? Quando, forse per farci coraggio, qualcuno diceva che da tutto questo ne saremmo usciti cambiati? Migliori. Che avremmo fatto tesoro di quest’esperienza. A giudicare dal tasso di violenza e di odio che circola sui social, ho però l’impressione che qualcosa sia andato storto o peggio ci sia sfuggito di mano. Oppure ancora che ci siamo voluti raccontare delle gran balle, spacciandoci per quel che non siamo. Incapaci di rimanere uniti di fronte al nemico, davanti al pericolo del virus.

Read more

Marmitte e motori, rabbia e rumore

Mattino, mezzogiorno e sera, prima e dopo i pasti. Ogni giorno tutti i giorni. Ma è soprattutto di notte che si possono ascoltare le prestazioni migliori, se così le vogliamo chiamare, di alcuni conducenti esaltati e vanesi che nella loro ristrettezza di pensiero sono convinti che far scoreggiare la marmitta della propria auto, o della propria moto, sia motivo di vanto e che, per dirla in gergo, faccia di loro dei gran fighi.

Read more