Massimo Suter à la carte

Una settimana fa, nella Svizzera italiana, dopo mesi di chiusura forzata dei ristoranti a causa della pandemia, è arrivato finalmente il permesso di riaprire almeno le terrazze, anche se non tutti gli esercizi pubblici ne hanno una. Così solo i ristoratori più fortunati hanno potuto rimettersi ai fornelli. Per chi ha potuto riaccendere i motori, complice il bel tempo, gli affari tutto sommato non sono andati poi così male. Ma come in ogni favola degna di questo nome non poteva mancare l’orco o, come in questo caso, il Calimero di turno.

Read more

A breve deepfake per tutti

Deepfake. Tradotto letteralmente dall’inglese significa “profondamente falso”. Ma deepfake, dal 2017 a oggi, sta soprattutto ad indicare quella tecnica per la sintesi dell’immagine umana grazie a un software, in grado di simulare e creare immagini false, profondamente fase, ma che sembrano vere. Così se, per caso vi siete imbattuti in Jim Carrey che recita in Shining o addirittura in un porno con Angelina Jolie protagonista, sappiate che quelli non sono né Jim e neppure Angelina, ma solo l’immagine della loro faccia appiccicata su quella di Jack Nicholson o di una pornostar.

Read more

Le prime crepe del nuovo campus

Mai sentito parlare di “buone vibrazioni”? Capita quando nell’aria c’è la giusta energia, quell’entusiasmo che accompagna le nuove sfide e che si tratti di un nuovo amore come nel caso della canzone dei Beach Boys, o di altro, poco importa. Quel che conta è che siano positive. Purtroppo però, quelle riscontrate a marzo all’interno dei laboratori del dipartimento di tecnologie innovative del nuovo campus USI/SUPSI di Viganello, non appartengono a questa categoria.

Read more

La censura, abolita oppure no?

Qualche giorno fa, in Italia, è stata definitivamente abolita la censura cinematografica. Infatti c’era chi, esistevano ancora delle commissioni che potevano imporre il divieto assoluto d’uscita nelle sale cinematografiche a quelle pellicole ritenute troppo violente, blasfeme o esplicite dal punto di vista dei contenuti sessuali. Insomma, con l’attuale decreto, niente più modifiche o divieti imposti da chi guarda, giudica e, se va bene, suggerisce dove tagliare.

Read more

Filippo, addio al principe delle gaffe

Se è vero che dietro ogni grande uomo c’è sempre una grande donna, chissà se dietro a ogni grande regina c’è anche un grande principe. “È con profonda tristezza che Sua Maestà la Regina annuncia la morte del suo amato marito”, sono le parole con cui si apre l’annuncio della morte del principe Filippo. Aveva 99 anni. Nato a Corfù, in Grecia, il 10 giugno del 1921, il duca di Edimburgo era convolato a nozze con Elisabella II, la futura regina del Regno Unito, il 20 novembre del 1947.

Read more

Simpatia Renzi e l’amico bin Salman

Se tempo fa la Toscana era nota per essere una terra popolata da gente di carattere, verace e simpatica che ha dato i natali a un nutrito drappello di comici tra i quali voglio ricordare Roberto Benigni, Francesco Nuti e Leonardo Pieraccioni, oggi le cose sono un tantino cambiate. Grazie a Matteo Renzi, ex sindaco di Firenze ed ex segretario del Partito Democratico, il toscano è diventato la quintessenza dell’antipatia. Il fastidio e il prurito alle mani di fronte alle sue ultime mosse politiche o alle sue dichiarazioni più recenti è inversamente proporzionale al consenso che ancora riscuote nell’opinione pubblica. E non solo in quella italiana.

Read more

Tra yoga, yogurt e burqa

Le guerre, e quelle di religione in particolare, si combattono anche a parole. Soprattutto quando ci si convince che dietro alle parole si possano nascondere delle insidie, dei pericoli. Eppure se c’è una cosa che le lingue c’insegnano – l’italiano non fa eccezione – è come siano state capaci nel corso del tempo di modellarsi, adeguandosi alle esigenze del momento, sapendo inglobare anche termini giunti a noi da molto lontano. Un tempo dall’arabo, oggi dall’inglese. Oppure ancora proteggendosi, chiudendosi a riccio di fronte all’ingerenza di chi vorrebbe intromettersi decidendo a tavolino cosa è lecito dire e cosa no.

Read more

Perché Sanremo siamo noi

Per settimane, molto prima che sul palco del teatro Ariston salisse e sfilasse il solito circo Barnum formato da cantanti, artisti, presentatori, vallette, vecchie glorie, attrici, attori, calciatori, assessori, nani e ballerine, di Sanremo si è scritto. Anche per questa edizione segnata dal Covid-19, sui giornali e sul web del festival si è scritto, detto e si è polemizzato parecchio.

Read more