Fame e spreco, due scandali e un paradosso

Fame e spreco, due scandali e un paradosso

Di Fabio Amorth e Antonella Bertolini

Ogni anno, nel mondo, un terzo di tutto il cibo prodotto per l’uomo, di cui l’80% ancora buono, viene gettato via. Finisce nella pattumiera. Nel frattempo, un miliardo di persone soffre la fame e 5’000 bambini muoiono ogni giorno a causa della denutrizione. Un inaccettabile paradosso del nostro tempo, ma anche il più grande problema attuale la cui soluzione è davvero a portata di mano. Se riuscissimo a recuperare gli sprechi che riguardano tutti i passaggi – dalla coltivazione alla tavola – e che colpiscono indistintamente tutti i paesi, saremmo in grado di sfamare 2 miliardi di persone e a ridurre il consumo delle materie prime e dell’energia necessaria per tutti quei processi legati all’alimentazione. Facessimo tutto ciò, significherebbe contribuire a salvare il Pianeta. Magnifico.
E allora perché non lo facciamo? In fondo dipende solo da noi, riuscirci.

.

Il Personaggio

Lo chef antispreco

Massimo Bottura è chef e proprietario dell’Osteria Francescana a Modena. Un ristorante premiato con tre stelle Michelin e classificatosi primo ristorante al mondo nella lista dei “The World’s 50 Best Restaurants”.Insieme alla moglie Lara Gilmore ha creato “Food for Soul”, un progetto di mense comunitarie contro lo spreco alimentare e la riscoperta della condivisione…

In cifre

Le cifre dello spreco

1/3 di tutto il cibo prodotto viene buttato via; 1,3 miliardi le tonnellate di alimenti che vengono sprecate ogni anno nel mondo. 80% la quantità del cibo buttato ancora consumabile

Il Video

“Theatre of Life”, insieme contro lo spreco alimentare

“Theatre of Life” racconta l’apertura del Refettorio Ambrosiano, lo spazio aperto dallo chef Massimo Bottura nel quadro del progetto contro lo spreco alimentare “Food for soul

Approfondimento

La Svizzera sprecona

Anche la Svizzera, in fatto di sprechi alimentari, non ha nulla da farsi invidiare. Un quarto dell’impatto ambientale prodotto dal nostro stile di vita è da attribuire alle perdite alimentari evitabili. 2,8 milioni di tonnellate all’anno, 124 grammi di rifiuti organici pro capite a pasto: il cibo che tutti noi lasciamo nel piatto. Circa la metà dell’impatto ambientale del trasporto motorizzato…