Quando il raccontare con intelligenza fa ridere e … pensare: Gaetano Savatteri.

Leggero e mai banale, divertente ma serio nello stesso tempo, irriverente e appassionato. Leggerlo è come stare a sentire un commensale brillante e sagace, uno che ti spiazza con battute e descrizioni ma che poi, subito dopo, ti fa riflettere. In pratica riporta ad una sicilianità che conosciamo spesso nell’oralità e più raramente nella lingua scritta. Per raggiungere questi livelli Savatteri usa l’escamotage del giallo, vale a dire l’inchiesta su di un delitto.

Read more

Si inizia con la maleducazione e si arriva al fascismo…

Il motivo di questa pubblicazione di Michela Murgia è presto detto: si tratta di alzare la guardia su certi modi di fare, dire, e magari anche pensare che negli ultimi anni, complice il mutato quadro ideologico mondiale e la pericolosa invadenza dei social, sembra stia dilagando. A poco a poco, magari con piccole battute (o presunte tali) oppure con atteggiamenti non pensati … il virus del fascismo è ancora qui.

Read more

Cercare il proprio io nel … fratello

È questa la prima grande forza del romanzo di Pennac: dimostrare come la letteratura, quella di Melville ma anche e soprattutto la sua, sia un qualcosa di reale, di fisico. Che aiuta, anche nei momenti più duri. La seconda è l’atto di amore che sottende tutta la pubblicazione: un gesto tenero e profondo. Per un libro che emoziona e … fa male. Come è giusto che sia. Grande Pennac!

Read more

Luca Crovi, rivive la Milano che non c’è più

Quello che resta del noir di Crovi è il suo profondo amore nei confronti della Milano di questi anni. Ne fanno testo la modalità di espressione dei diversi personaggi, gli aneddoti, il senso del vivere che pervade ogni riga. E le mangiate negli scantinati, le bevute, il movimento della popolazione, la malinconia nei confronti di borsaioli e contrabbandieri, fuorilegge sì ma con un senso dell’onore.

Read more