Paolo Di Stefano, più che una lettura un’esperienza.

Tra Avola e Viganello, tra generazioni che si incontrano e scontrano, vissuti culturali contrapposti, ansie contraddittorie dettate dall’introvabile terra ferma (dunque lo stato d’animo dell’emigrato, qui elevato a potenza da uno smisurato orgoglio)… «Noi» è un romanzo pieno, ricco, vero. Si rimane folgorati e scossi e per un bel po’ di tempo una volta letta l’ultima frase. Epico ma anche etereo. Giusto così, perché il senso rimanente ai lettori è quello di gratitudine nei confronti dell’ autore. Per chi scrive, «Noi» è il più bel romanzo letto quest’anno. Un libro che si fa amare, tutto qui.

Read more