Milena Vukotic, attrice in punta di piedi

Fresca vincitrice del premio Giulietta Masina, a Bellinzona, in occasione della 34esima edizione del festival Castellinaria Milena Vukotic ha ricevuto il Castello d’onore, uno dei tanti meritati premi alla carriera fin qui attribuitogli.
L’attrice è, tra l’altro, fra i protagonisti del film “Il demolitore di camper” diretto da Robert Ralston che è stato interamente girato in Ticino, nei comuni di Mendrisio, Coldrerio, Balerna, Morbio inferiore e Chiasso. Una commedia agrodolce in cui si racconta del rapporto non sempre facile tra genitori e figli.
Ferzan Özpetek, Mario Monicelli, Ettore Scola e poi Luis Buñuel che l’ha voluta ne "Il fascino discreto della borghesia". Nel corso di una formidabile carriera, a cavallo fra teatro e cinema, Milena Vukotic ha lavorato con i più grandi registi del cinema italiano e non solo. Ma la grande notorietà sul grande schermo l'ha ottenuta interpretando Pina, la moglie di Fantozzi, al fianco di Paolo Villaggio. Ma qual è stato il rapporto con questo suo personaggio?
Ascolta il PodGAS, il podcast di GAS.

VUOI LEGGERE DI PIÙ?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere GAS scopri le possibilità

Sei socio o hai già un abbonamento? Effettua l'accesso

[lwa]

Read more

La speranza di Stefano Ferrari

Il regista Stefano Ferrari è tante cose. E molte sono le sue passioni. Curioso della vita, Stefano è un appassionato giocatore di basket, ma anche un assiduo frequentatore di Castellinaria che considera un po’ come se fosse casa.
Nel febbraio dello scorso anno, durante il secondo lockdown, tre attori, rinchiusi all’interno del Teatro Sociale di Bellinzona, lavorano al riallestimento dello spettacolo “Il dolore” per la regia di Margherita Saltamacchia, tratto dall’omonimo romanzo di Marguerite Duras. L’aria che si respira è surreale. Si crea per un pubblico che non si sa se e quando potrà mai vedere lo spettacolo.
Stefano Ferrari ha documentato quel tempo sospeso che è diventato poi un cortometraggio intitolato “La speranza vive intera”, una riflessione sul senso e sul bisogno di fare teatro, presentato in anteprima a Bellinzona, nel corso della 34esima edizione del festival internazionale del cinema giovane.
Ascolta il PodGAS, il podcast di GAS.

VUOI LEGGERE DI PIÙ?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere GAS scopri le possibilità

Sei socio o hai già un abbonamento? Effettua l'accesso

[lwa]

Read more

L’arte di Frezz

Massimiliano Frezzato, Frezz per gli amici, è uno dei più apprezzati autori a fumetti e illustratori italiani, pubblicato in Europa e negli Stati Uniti. I suoi primi lavori escono su varie riviste a partire dal 1985, quando ancora frequenta il liceo artistico a Torino.
Classe 1967, Frezz è un artista che, nel corso della sua carriera, ha viaggiato attraverso il mondo dell’immagine e dell’immaginario. Dalla narrazione più tradizionale, la fiaba, passando per il fumetto e la pittura. A tutto questo si è infine aggiunto anche il cinema.
In occasione della 34esima edizione di Castellinaria, a Bellinzona, è stato proiettato “La città delle cose dimenticate”, il suo primo cortometraggio, per la regia di Francesco Filippi. Un evento impreziosito dalla mostra a tema allestita alla Marco Lucchetti Art Gallery di Lugano.
Ascolta il PodGAS, il podcast di GAS.

Read more

Alessandro Gassmann a Castellinaria: l’intervista

Figlio del celebre attore Vittorio Gassman e dell’attrice Juliette Mayniel, Alessandro debutta sul grande schermo nel 1982. Dirige e interpreta insieme al padre “Di padre in figlio”, una sorta di storia autobiografica della famiglia Gassman. Da allora ha alternato senza sosta ruoli sul grande schermo, al palco e in televisione.
Attore, regista, voce narrante, scrittore, sceneggiatore e co-sceneggiatore, ha all’attivo una settantina di film come attore e tre come regista. E proprio in questa veste è stato ospite a Bellinzona della 34esima edizione del festival del cinema giovane Castellinaria, dove è stato proiettato il suo film “Il silenzio grande” (recentemente premiato con il Ciak d’Oro 2021 per la miglior regia).
Alessandro Gassmann è anche un ambientalista militante che investe tempo, passione ed energie nella difesa della Terra. Su Venerdì di Repubblica, cura una rubrica dal titolo #GreenHeroes, raccontando le storie di eroi verdi. Imprenditori, amministratori locali, insegnanti, intere comunità che lottano per ridurre, quando non addirittura azzerare, il proprio impatto sul Pianeta.
Ascolta il PodGAS, il podcast di GAS.

Read more

Pareggi e sonore sconfitte

In Ticino la battaglia politica s’infiamma. Pareggio dei conti sì o pareggio no? Alla fine l’ha spuntata il pareggio di bilancio, agendo prioritariamente sulla spesa. E poco importa se nel resto dell’universo mondo si fa debito, s’investe sul futuro, si pongono le basi per uscire dalla crisi. Noi invece saremo costretti a tirare ancora un po’ di più la cinghia. Tanto cosa vuoi che sia.
Ascolta il PodGAS, il podcast di GAS.

Read more

Social Truck, al servizio dei sogni

Molti sogni, parecchie idee e tanta voglia di renderli concreti. Lo possiamo descrivere così il progetto della Cooperativa Baobab nato da una bella idea di Alicia Iglesias. Quello del disagio giovanile, della mancanza di attività e di spazi utili per favorire la socializzazione di ragazze e ragazzi in Ticino è purtroppo un tema ricorrente. Ma come si fa a coinvolgere i ragazzi in attività creative, culturali e sportive?
A Bellinzona, nei tredici quartieri della città, da un paio d’anni c’è un camioncino, una casa a quattro ruote, denominato “The social truck”. Un progetto nato proprio per aiutare i più giovani a realizzare i loro sogni. Che siano grandi o piccoli poco importa.

Read more

20 anni fa, la morte di Carlo Giuliani

“Un mondo diverso è possibile”. Chi nel luglio del 2001 era a Genova in occasione del G8 intonava in coro il proprio mantra. Tra il fumo dei lacrimogeni e le cariche della polizia, con gli occhi e la gola in fiamme. Un mondo diverso è possibile. Vent’anni fa proprio come oggi. Tra crisi climatica, pandemia e ingiustizie sociale. Non solo è possibile, è più che mai necessario.
A poche settimane dalla pubblicazione dei video scandalo sui pestaggi avvenuti nel carcere di Santa Maria Capua Vetere, in provincia di Caserta, con aggressioni che ricordano da vicino quelle della scuola Diaz e della caserma di Bolzaneto avvenute a Genova, s’impone nuovamente una riflessione sulla tutela dei diritti umani. Diritti calpestati con troppa facilità un po’ ovunque. In nome della sicurezza e del rispetto delle leggi.
Se il potere di privare una persona della libertà è il più delicato dei compiti in mano allo Stato, che cosa è cambiato in vent’anni? C’è un filo che unisce George Floyd a Carlo Giuliani ucciso in Piazza Alimonda, il 20 luglio del 2001? Cosa rimane di quel G8 a vent’anni di distanza?
Ascolta il PodGAS, il podcast di GAS.

Read more

Lotta, passione, autogestione

Diverse migliaia di persone, come non si vedevano da anni per una manifestazione ticinese. Roba da far impallidire il corteo, già gioioso e nutrito, di tre anni fa per il Gay Pride.

La manifestazione di Lugano a sostegno dell’autogestione, si è svolta tra bandiere, striscioni, fumogeni colorati, ma soprattutto con il concorso di persone di tutte le età: anziani, famiglie, bambini. Perfino qualche neonato.

Read more

Israele e la guerra infinita

in questi giorni si contano a centinaia i morti palestinesi nella striscia di Gaza. Vittime dei bombardamenti israeliani. Qualche decina sono invece i cittadini israeliani uccisi dai razzi lanciati da Hamas.
Ma questo è sono l’ennesimo capitolo di una sporca sporchissima guerra, dell’infinito conflitto israelopalestinese che da decenni si nutre di recriminazioni da entrambe le parti, malgrado si tratti di una guerra asimmetrica.
Benché a livello internazionale la richiesta per un cessate il fuoco sia giunta da più parti, perfino dalla Russia di Putin e il presidente degli Stati Uniti Joe Biden abbia chiesto al premier israeliano Benjamin Netanyahu una “significativa de-escalation oggi”, proprio in queste ore è ripreso il lancio di razzi da Gaza verso le comunità israeliane attorno alla Striscia.
Ma palestinesi e israeliani troveranno mai un accordo riuscendo a convivere finalmente in pace?
Ascolta il PodGAS, il podcast di GAS.

Read more

Andrea Vosti, la mia America

Le elezioni presidenziali del 3 novembre 2020 saranno ricordate come le più folli della storia americana recente. Uno sfidante, Joe Biden, che vince in rimonta quando a detta di molti sembrava ormai spacciato.
Un presidente, Donald Trump, che si rifiuta di riconoscere la sconfitta e che per quattro anni ha infranto ogni codice di condotta, sdoganando un populismo incurante della verità.
Questi sono solo due degli argomenti trattati nel libro “America First” (Armando Dadò Editore, 2020) con il quale Andrea Vosti cerca di risalire alle radici di un fenomeno, il “trumpismo”, che ha sedotto milioni di cittadini statunitensi.
Ascolta il PodGAS, il podcast di GAS.

Read more