La calma prima della tempesta (inglese)

La variante inglese, quella sudafricana, un’altra scoperta in Giappone e chissà poi quante altre ne scopriremo o ne arriveranno. Ma questo conta poco. Ora quel che conta è che la prudenza è d’obbligo. Soprattutto adesso. Si è provato a chiudere, ma intanto la variante si è fatta comunque strada. I focolai si moltiplicano. In Ticino come nel resto della Svizzera. Un albergo a Sankt Moritz ieri, la scuola media di Morbio Inferiore qualche giorno fa e prima ancora a Balerna la casa anziani. Un’intera scuola media, 500 allievi e 70 docenti, è finita in quarantena a causa della variante inglese. Una variante che “ci ha rimandato indietro di un anno”, ha confessato disarmato il medico cantonale Giorgio Merlani.

Read more