Grazie Matteo, te che sei un Pelli…

Un grazie però, al Pelli Matteo, va detto. Grazie mille. Perché io sabato sera c’ero. Ero lì a guardare. Mentre tu per dieci-ore-dieci come un aborigeno australiano cantavi il tuo piccolo pezzettino di terra. Che è anche un po’ la mia. Allibito di fronte a questa tua impietosa polaroid di un fazzoletto di mondo andato irrimediabilmente a male, tanto che il tanfo aleggia su tutti noi.

Read more

La scuola fa tutta schifo? Eh no!

Il sistema Pisa, promosso dall’OCSE** certifica a che livello sono gli allievi nelle varie materie e competenze. L’indagine consiste in un test sostenuto da allievi quindicenni in tre ambiti specifici: le scienze naturali, la matematica e la comprensione dello scritto (lettura). PISA certifica che in tutti e tre gli ambiti è stato possibile osservare che il Canton Ticino, rispetto ai Paesi di riferimento e alle regioni svizzere, presenta una maggiore equità, riuscendo a contenere in maniera più efficace le disparità tra i risultati degli allievi più competenti e quelli degli allievi meno competenti.

Read more

Il pappagallo partigiano

Dove le speranze sono pochine, è un pappagalletto dal ciuffo giallo e il cuore rosso a darci la voglia di lottare. È il rapporto d’affetto che lo lega alla sua amica, che non ha mollato, non ha ceduto, ha fatto di tutto per ritrovare quei tre o quattro etti di piume. È la storia tra due esseri così diversi ma legati dall’affetto e da quella canzoncina, che non perde nobiltà nemmeno se fischiettata da un pappagallo.

Read more

Ganz genau Bruno

Era il più grande attore di lingua tedesca in circolazione. Lo era davvero. Lo era diventato sul campo. In trincea. Tra cinema e teatro. Tra la Svizzera e il resto del mondo. Ma è morto nella notte tra venerdì e sabato a Zurigo. Aveva 77 anni. Si chiamava Damiel. Era stato l’amico americano ma anche il nonno di Heidi. Quello burbero, ma con un cuore tenero come il burro. E nel mondo dei sogni, di quelli fatti di celluloide, lo rimarrà per sempre. Un po’ nonno, un po’ angelo, un po’ demone. Uno svizzero capace di lasciare il segno, ma con discrezione. Senza strepiti, senza scalciare.

Read more

Sanremo: al rogo Virginia Raffaele

Tremate, tremate le streghe son tornate! Perché le ancelle del demonio s’annidano dove meno te lo aspetti. Anche sul palco che porta il nome di un santo. In questo caso quello della canzonetta all’italiana per antonomasia. Esatto. Proprio quello di Sanremo. Ad aver tuonato contro la conduttrice dell’ultima edizione del festival è stato nientemeno che un prete esorcista.

Read more