La mamma morta, l’armadio e la pensione

Di mamma c’è n’è una sola, e anche quando viene a mancare per morte naturale a qualcuno non pare poi così innaturale attenuare il profondo dolore del distacco. Tenendosela ai piedi del letto, sigillata per bene in un involucro salva odori non distante dalle delle cravatte buone, per un paio d’anni giusto riannodando la vicinanza degli affetti e ritirando mensilmente una discreta pensione.

Read more

Strangers in the “light”

Le presunte ortodosse regole di una alimentazione salutista, le reiterate urticanti diete, le infinite e sfinite corse nelle praterie della morigeratezza e del solfeggio alimentare. Mi sto forse trasformando in un piagnone delle restrizioni, disancorato dal procace mondo della stupenda mappa della gastronomia casereccia, che a tutto tondo imbastisce, alla facciaccia mia, un girotondo dando la mano alle salamelle damigelle?

Read more

No vax, è ora di fare i distinguo

Qualche giorno fa, mi sono permesso uno sfogo personale, sulla mia pagina. Non sopportavo più quei beoti che condividevano meme e foto con rimandi al nazismo e ai campi di concentramento. Lo stesso vale per coloro che oggi inneggiano a leader dell’estrema destra solo perché condividono il loro pensiero o perché astutamente cavalcano la tigre di un malcontento che è sempre più esiguo, visto che ormai quasi l’80% della popolazione è vaccinata.

Read more

La volpe non brilla in furbizia

Segui, segui la volpe. Attento a dove metti i piedi però, perché potresti finire dritto dritto in un bel trappolone. Lui non commenta, né smentisce. Ma, a quanto pare, fra quelli che in Ticino si sono fatti fregare dal finto principe etiope nel frattempo finito dietro le sbarre della Farera ci sarebbe pure lui, Silvio Tarchini, mister Fox Town. Che stavolta non se la ride granché sotto i baffi.

Read more

“La modesta proposta” di Swift

Jonathan Swift, scrittore e poeta irlandese ai più noto per i suoi visionari e incredibili “Viaggi di Gulliver”, respirando la ribelle aria della sua Dublino, dove tolse il disturbo terreno il 19 ottobre del 1745 , seppe dare il giusto sfogo a uno spirito fortemente indipendente e certo bizzarro soprattutto attraverso alcuni scritti satirici – per gli abituali amanti alle letture chiamati pamphlet – così carichi di posizioni provocatorie e spiazzanti da sottrargli il ruolo reale di pastore anglicano e ritradurlo in quello di pensatore scatena baccano.

Read more

Gli Uffizi aprono al fumetto

52 autoritratti di alcuni tra i più apprezzati fumettisti italiani entreranno a far parte della collezione permanete delle Gallerie degli Uffizi di Firenze, il museo del Belpaese per eccellenza. Tra una Primavera o la Venere del Botticelli e i duchi di Urbino dipinti da Piero della Francesca presto si potranno anche ammirare gli autoritratti di alcuni tra i fumettisti più quotati della scena italica. Da Altan, il papà della Pimpa, a ZUZU. Le opere, realizzate con tecniche, formati e stili diversi, sono state presentate nell’ambito di Lucca Comics & Games 2021, a riprova del fatto che chi fa i “disegnini” merita la stessa considerazione riservata alle altre forse d’arte. Anzi, forse, pure di più.

Read more

PSE…un vero macello!

Infuria la battaglia sul PSE (Polo Sportivo e degli Eventi) di Lugano e mai come in questo caso c’è un frullato di volti e posizioni con liberali che vanno contro il proprio partito, socialisti che stanno alcuni di qua e altri di là, incontri carbonari (ma non troppo) tra avvocati d’affari liberali e rivoluzionari incalliti. Un vero macello (senza riferimento ad altri temi luganesi) nel quale è difficile districarsi. Le fotografie dei comitati pro e contro sono diventati il gioco favorito dei bambini: trova l’intruso. Ecco perché il partito socialista di Lugano ha deciso (democraticamente) per la libertà di voto. Così chiunque vinca, il PS non avrà perso. Di questi tempi sono soddisfazioni.

Read more